Prelievo forzoso

Il prelievo forzoso è un'espressione tristemente nota negli ambienti europei degli ultimi anni, in quanto suggerita o intravista da alcuni come soluzione dei governi alla crisi dei debiti sovrani. In Italia, nel 1992 il governo Amato effettuò un prelievo forzoso, attraverso una tassazione istantanea dello 0,6% dei conti bancari. Specie all'apice della crisi dello spread, in molti hanno ipotizzato un bis in grande stile.

1

Rischio patrimoniale reale o è solo una battuta di Berlusconi?

Silvio Berlusconi evoca il rischio di una tassa patrimoniale con un governo giallo-verde. Ipotesi verosimile o solo battuta a fini politici?

Leggi di Giuseppe Timpone