Come andare in pensione prima dei 60 anni senza Opzione Donna e senza 104

Vediamo a che età bisogna aver iniziato a lavorare per andare in pensione prima di 60 anni, in ipotesi diversa da Opzione donna

di , pubblicato il
Pensione dopo 35 anni di lavoro, quanto si prende

C’è la possibilità di pensione prima dei 60 anni. E non è Opzione donna. Vediamo chi ha questa chance.

La nuova Quota 102

Diverse sono oggi le forme di pensione anticipata. C’è Quota 102, che ha sostituito la precedente Quota 100 (38 anni di contributi e 62 anni di età). La 102 permette il pensionamento anticipato ma oltre i 60 anni. Infatti, è richiesto il rispetto di entrambi i seguenti requisiti:

  • 38 anni di contributi (requisito contributivo)
  • 64 anni di età (requisito anagrafico).

Inoltre si tratta di un regime transitorio, previsto solo per l’anno 2022 (quindi, per chi raggiunge i citati due requisiti entro il 31 dicembre di quest’anno).

Pensione prima dei 60 anni solo con Opzione donna

Opzione donna, invece, consente la pensione prima dei 60 anni, per quelle donne che, entro il 31 dicembre 2021, hanno raggiunto

  • 58 anni di età e 35 anni di contributi, se lavoratrici dipendenti
  • 59 anni di età e 35 anni di contributi, se lavoratrici autonome.

Anche tale forma di pensionamento non è a regime, anche se si pensa a renderla strutturale (vedi anche Opzione Donna di madre in figlia: la misura potrebbe durare per sempre?).

Non permette il pensionamento prima dei 60 anni nemmeno APE social, con la possibilità, per alcune categorie di soggetti che svolgono lavori c.d. usuranti e rischiosi di andare in pensione con 63 anni di età e 36 anni di contributi (oppure 30 anni se disoccupati o invalidi).

Quando la pensione a 59 anni

C’è, invece, possibilità di pensione prima dei 60 anni, attraverso l’ordinaria pensione anticipata. Questo, tuttavia, significa aver iniziato a lavorare in un’età al disotto dei 18 anni.

La pensione anticipata “ordinaria” (ex pensione di anzianità), infatti, consente il pensionamento, indipendentemente dall’età anagrafica, con

  • 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini
  • 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne
  • 41 anni di contributi per alcune categorie di soggetti, ossia disoccupati, invalidi civili, caregiver e lavoratori addetti a mansioni gravose.

Ne consegue, ad esempio, che può andare in pensione prima dei 60 anni, quindi, a 59 anni, chi ha iniziato a lavorare a 16 anni (se uomo) o 17 anni (se donna).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: