Bonus 2400 euro, online la procedura per le nuove domande

È finalmente online la procedura che permette ai nuovi beneficiari di accedere al bonus di 2400 euro previsto dal Decreto Sostegni.

di , pubblicato il
Bonus 2400 euro

È online la procedura che permette ai nuovi beneficiari di accedere al bonus di 2400 euro previsto dal DL Sostegni. Lo ha reso noto l’Inps con un comunicato stampa di ieri, 22 aprile 2021.

I soggetti che ne hanno diritto hanno tempo fino al 31 maggio per presentare la domanda. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Bonus 2400 euro, cosa è? A chi spetta?

Il decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41 (cosiddetto Decreto Sostegni) ha previsto ulteriori misure di sostegno attraverso apposite indennità una tantum, fra i quali il bonus 2400 euro a favore degli stagionali del turismo e altre categorie.

In particolare, l’articolo 10, comma 1, del decreto Sostegni ha previsto l’erogazione di tale bonus a favore delle seguenti tipologie di lavoratori:

  • stagionali, a tempo determinato e in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • stagionali e in somministrazione di settori diversi dai settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • intermittenti;
  • autonomi occasionali;
  • incaricati delle vendite a domicilio;
  • dello spettacolo.

Per ottenere il bonus 2400 euro, i soggetti già beneficiari delle precedenti indennità covid non devono presentare una nuova domanda. L’indennità, infatti, viene erogata ai beneficiari con le modalità indicate dagli stessi per il pagamento delle indennità già erogate in precedenza.

Ad ogni modo, il bonus 2.400 euro sarà erogato anche agli aventi diritto che non siano stati già beneficiari delle precedenti indennità.

Online la piattaforma per le nuove domande

L’Inps, con un comunicato stampa di ieri, 22 aprile 2021, ha reso noto che è finalmente online la procedura che permette ai nuovi beneficiari di accedere al bonus 2400 euro previsto dal Decreto Sostegni. È possibile presentare la nuova domanda direttamente dal link pubblicato dalla stessa Inps entro il 31 maggio 2021.

 

Articoli correlati

Argomenti: ,