Petrolio, prezzi verso 40 dollari? Ecco la minaccia saudita, che lo rende possibile

Le quotazioni del petrolio potrebbero scendere ancora verso i 40 dollari, se entro fine mese l'OPEC non trova un accordo per tagliare la produzione. Intanto, siamo già a 45 dollari e l'Arabia Saudita minaccia di sabotare le trattative.

di , pubblicato il
Le quotazioni del petrolio potrebbero scendere ancora verso i 40 dollari, se entro fine mese l'OPEC non trova un accordo per tagliare la produzione. Intanto, siamo già a 45 dollari e l'Arabia Saudita minaccia di sabotare le trattative.

I prezzi del petrolio si sono diretti ormai attorno ai 45 dollari al barile, ma potrebbero puntare verso i 40 dollari, testandone la resistenza al ribasso, allorquando l’OPEC non trovasse alcun accordo al vertice di fine mese a Vienna. Venerdì scorso, le quotazioni hanno subito un tonfo, dopo che si è diffusa la notizia di una minaccia saudita alla riunione della settimana precedente, rivolta ai membri restanti del cartello.

Riad ha paventato l’ipotesi di aumentare l’offerta giornaliera dai 10,7 milioni di barili attuali a 11 e persino 12 milioni di barili. Da anni, il regno sostiene di avere una capacità estrattiva massima quotidiana di 12,5 milioni di barili, anche se gli analisti non ne sarebbero del tutto convinti.

Cosa non è andato? Il ministro Khalid al-Falih, che pure è più accomodante del suo predecessore Alì al-Naimi, ha offerto la disponibilità a tagliare la produzione di 400.000 barili al giorno, purché anche gli altri facciano la propria parte. All’Iran, in particolare, sarebbe stato chiesto di “congelare” la produzione 3,66 milioni di barili al giorno, ossia ai livelli di settembre. Teheran ha risposto picche, sostenendo, anzitutto, di avere estratto mediamente 3,85 milioni di barili al giorno due mesi fa e che sarebbe sua intenzione puntare a una quota di offerta del 12,7% del totale OPEC, come prima che le fossero comminate le sanzioni da parte dell’Occidente. (Leggi anche: Petrolio, prezzi sotto 50 dollari: accordo OPEC più lontano)

Scontro tra Arabia Saudita e Iran sulla produzione di petrolio

Se l’Iran volesse mantenere la sua quota di mercato pre-embargo, in rapporto alla produzione del cartello, la sua produzione salirebbe, ai valori attuali, a 4,2 milioni di barili quotidiani. Non solo, gli iraniani rimproverano ai sauditi di avere aumentato le proprie estrazioni di 1 milione di barili al giorno negli ultimi due anni, salvo mostrarsi intenzionati a ridurle di appena 400.000.

Lo scontro è stato così duro, che l’Arabia Saudita avrebbe minacciato persino di abbandonare il vertice. E venerdì, intervenendo a un evento a Londra, è tornato a farsi sentire proprio al-Naimi, artefice della politica petrolifera saudita degli ultimi 20 anni, chiarendo che Riad non potrà tagliare la produzione da sola e rivendicando “la scelta giusta” di non averlo fatto negli ultimi due anni, quando era in carica fino al maggio scorso.

(Leggi anche: Petrolio, accordo OPEC è di facciata)

 

 

 

 

Ritorno a 40 dollari?

Urge un’intesa entro le prossime tre settimane, prima del vertice OPEC del 30 novembre. Non è detto che la si trovi, perché le rivalità tra Arabia Saudita e Iran prevalgono su ogni altra considerazione. Nessuna delle due vuole cedere qualcosa all’altra, per la gioia degli automobilisti e, in generale, dei consumatori europei, che potrebbero continuare a godere di prezzi energetici relativamente bassi a ridosso del Natale, confidando in un cambio euro-dollaro ancora sopra 1,10. Molto meno felici saranno i banchieri centrali, frustrati da anni di bassa inflazione o di vera deflazione strisciante, uno spettro quest’ultimo, che si materializzerebbe ancora, qualora a fine mese si sancisse il flop delle trattative dentro al cartello, facendo precipitare le quotazioni petrolifere verso quei 40 dollari al barile, che non vediamo da 7 mesi. (Leggi anche: Allarme deflazione per l’FMI)

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , ,