Posizione corta su quali titoli? Qualche suggerimento per scegliere bene

Posizione corta su quali titoli? Vi diamo qualche suggerimento per evitare di scommettere al ribasso sbagliando.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il

In diversi articoli precedenti vi abbiamo spiegato con estrema semplicità cosa significa aprire una posizione corta o andare corti o “short” su un titolo azionario o obbligazionario. In estrema sintesi: vendere allo scoperto significa cedere sul mercato titoli che non si posseggono fisicamente, ma che ci si fa prestare da brokers (banche, in genere); in alcuni casi, si vende con la promessa di trasferire i titoli entro una certa scadenza pattuita. Si tratta di una posizione ribassista, perché chi lo fa scommette che il prezzo del titolo scenda, così che le azioni o le obbligazioni prima vendute possano essere acquistate sul mercato a un costo inferiore, che pur aumentato delle eventuali commissioni da pagare ai brokers, determinano una plusvalenza. Se il mercato, però, si muove nella direzione opposta, ossia il titolo si apprezza, le perdite potrebbero divenire illimitate, per cui è bene stare molto accorti.

Ma su quali titoli posso aprire una posizione corta? In teoria, su tutti. La Consob comunica eventualmente su quali e per quali sedute non sia possibile farlo, a seguito di attacchi speculativi violenti, mentre di recente una direttiva comunitaria ha imposto il divieto di vendita allo scoperto per i titoli di stato.

Vendita scoperto titoli

Aldilà degli aspetti legali, è importante considerare un dato: lo “short selling” conviene quando il prezzo di un titolo è giudicato molto elevato e con serie probabilità di scendere nel futuro prossimo (a 1 mese, 3 mesi, etc.). Non è facile effettuare un’analisi di sopravvalutazione di un titolo, perché oltre alle specificità dell’emittente, vi sono anche considerazioni di natura macroeconomica. Ad esempio, le banche centrali possono sostenere la crescita generalizzata delle borse, anche quando i prezzi risultino già elevati.

Tuttavia, se rispetto alla media dei competitors si registra un rapporto tra prezzi e utili molto più alto, il rischio di una caduta dei primi cresce e aumentano le possibilità di fare profitti puntando al ribasso. Un modo per avere conferma è verificare quali investitori istituzionali e per quali quantità hanno scommesso al ribasso su un titolo. Di solito, si tratta di fondi, banche con un certo fiuto, per cui potrebbe risultare conveniente seguirne la scia.

 

 

 

Posizione corta rischiosa con mossa sbagliata

Attenzione, però, a non scommettere al ribasso, quando i prezzi sono già considerati bassi. Questo, non solo perché diventa sempre più probabile che i prezzi tornino a salire, bensì pure per l’effetto del “rimbalzo tecnico”, che segue sempre allo scadere di una puntata ribassista. In sostanza, chi ha scommesso al ribasso, a un certo punto acquista i titoli per restituirli al broker, alimentando la domanda e accrescendone temporaneamente i corsi.

In conclusione, scommettete al ribasso su titoli sopravvalutati e su cui si concentrano già le scommesse di alcuni grossi investitori istituzionali. Mai azzardare su azioni o obbligazioni già a basso prezzo e, in ogni caso, affidatevi ai consigli di un esperto, perché con una scelta sbagliata, qui si rischia di bruciare ben oltre il 100% del capitale puntato.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Investimento, News Risparmio, Investimenti, Trading