Tutti gli aumenti sulle pensioni: la guida Inps per calcolare l’importo che spetta

Dalla pensione 2022, la rivalutazione sarà applicata scaglione per scaglione. I trattamenti pensionistici non saranno aumentati tutti allo stesso modo

di , pubblicato il
Le pensioni di settembre saranno più alte? Ecco per chi

L’INPS detta indicazioni sugli aumenti pensione 2022. Si tratta della c.d. perequazione, ossia la rivalutazione annuale degli importi dei trattamenti pensionistici per adeguarli all’aumento del costo della vita.

Si applica a tutti i trattamenti pensionistici erogati dalla previdenza pubblica, quindi, sia alle pensioni dirette (anzianità, vecchiaia, ecc.) che a quelle ai superstiti (pensione di reversibilità e pensione indiretta), indipendentemente dal fatto che esse siano integrate al trattamento minimo.

L’applicazione della perequazione sulle pensioni avviene al 1° gennaio di ogni anno, sulla base della variazione dell’indice FOI registrato nell’anno precedente. Si tratta dell’indice ISTAT che si riferisce ai consumi dell’insieme delle famiglie italiane che fanno capo a un lavoratore dipendente.

Gli aumenti saranno per fasce reddituali

Dalla pensione 2022, la rivalutazione sarà applicata scaglione per scaglione. I trattamenti pensionistici non saranno aumentati tutti allo stesso modo. La rivalutazione dipenderà, infatti, dalle fasce di reddito e sarà della seguente misura:

  • 100% dell’inflazione, per le pensioni fino a 4 volte il trattamento minimo;
  • 90% dell’inflazione, per le pensioni comprese tra 4 e 5 volte il trattamento minimo;
  • 75% dell’inflazione per le pensioni oltre 5 volte il trattamento minimo.

Il trattamento minimo di riferimento è pari a quello del 2021 che è di 515,58 euro.

Alcuni esempi di aumento pensione 2022

Ad esempio, una pensione pari a 2.500,00 euro sarà rivalutata dell’1,7% per la quota fino a 2.062,32 euro (+35,06 euro) e dell’1,53% per i rimanenti 437,68 euro (+6,70 euro), per un incremento totale pari a 41,76 euro.

Le pensioni superiori a 4 e fino a 5 volte il trattamento minimo Inps, cioè tra 2.062,33 euro e 2.577,90 euro, otterranno una rivalutazione dell’1,53%, ferma restando la rivalutazione all’1,7% dello scaglione sino a 2.062,32 euro.

Il trattamento minimo Inps per l’anno 2022 (perequato all’1,6%) sarà fissato a 523,83 euro (in luogo degli attuali 515,58 euro mensili) e l’assegno sociale di cui all’art.

3, comma 6, della l. 335/1995 si adeguerà da 460,28 euro a 467,65 euro al mese.

Tutti gli aumenti pensione 2022 sono riepilogati in modo dettagliato nell’ultimo vademecum pubblicato dall’Istituto nazionale di previdenza sociale.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,