Superbonus 110% negato alla Parrocchia

Tra i beneficiari del superbonus 110% possono rientrare anche gli enti religiosi (parrocchia) ma solo a determinate condizioni

di , pubblicato il
Tra i beneficiari del superbonus 110% possono rientrare anche gli enti religiosi  (parrocchia) ma solo a determinate condizioni

Tra i beneficiari del superbonus 110% vi rientrano anche la Onlus, le Organizzazioni di volontariato (Odv) e le Associazioni di promozione sociale (Aps) iscritte nei relativi registri. Tali soggetti possono godere del beneficio indipendentemente dalla categoria catastale dell’immobile oggetto degli interventi e della sua destinazione (vedi anche Superbonus 110% ad ampio raggio per ONLUS, ODV e APS).

E’ stato domandato all’Agenzia delle Entrate se anche gli enti religiosi (una Parrocchia) possono considerarsi tra i possibili beneficiari del bonus 110%, ad esempio, per i lavori fatti sugli alloggi utilizzati come abitazione dai religiosi che prestano servizio nella Parrocchia stessa.

Superbonus 110% per l’ente religioso: a quali condizioni?

L’Amministrazione finanziaria, al riguardo (Risposta n. 14 del 7 gennaio 2021), fa presente che la norma che ha istituito l’agevolazione (art. 119 del decreto Rilancio) non indica espressamente tra i soggetti beneficiari gli enti religiosi.

Questi, pertanto, potranno fruire del beneficio solo se rivestono anche la qualifica di Onlus, Odv o Aps. Diversamente, questi enti potranno godere del superbonus solo per le spese sostenute per interventi realizzati sulle parti comuni degli edifici in condominio, qualora partecipino alla ripartizione delle spese in qualità di condomino.

Ricordiamo che, in base a quanto previsto dal citato art. 119, possono godere del bonus 110% i seguenti soggetti:

  • condomìni
  • persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento
  • Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house providing”
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • Onlus, associazioni di volontariato ed associazioni di promozione sociale

associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,