Imu 2016: coefficienti da applicare nel calcolo

Quali coefficienti bisogna utilizzare nel calcolo dell'importo dell'IMU 2016?

di , pubblicato il
Quali coefficienti bisogna utilizzare nel calcolo dell'importo dell'IMU 2016?

In un precedente articolo abbiamo illustrato come si esegue il calcolo dell’IMU 2016 specificando che alla rivalutazione della rendita catastale al 5% va moltiplicato il coefficiente previsto dalla normativa. Vediamo quindi nel dettaglio quali sono i coefficienti da applicare nel calcolo dell’IMU nell’anno 2016.

  • Per le abitazioni di tipo: signorile, civile, economico, popolari, ultrapopolari, rurali, villini, ville, castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici, alloggi tipici dei luoghi, ovvero immobili iscritti nelle categorie catastali da A/1 ad A/11 (con l’esclusione della A/10) il coefficiente da applicare è 160;
  • Per uffici o studi privati con categoria catastale A/10 il coefficiente da applicare è 80;
  • Per Collegi e convitti, case di cura e ospedali non a scopo di lucro, prigioni e riformatori, uffici pubblici, scuole e laboratori, biblioteche, musei, gallerie, accademie, circoli, .
    con categoria catastale da B/1 a B/8 il coefficiente da applicare è 140;
  • Per negozi e botteghe con categoria catastale C/1 il coefficiente da applicare è 55;
  • Per magazzini, locali di deposito, stalle, scuderie, tettoie con categoria catastale C/2, C/6 e C/7 il coefficiente da applicare è 160;
  • Per laboratori per arti e mestieri, fabbricati e locali per esercizi sportivi non a scopo di lucro, stabilimenti balneari con categoria catastale C/3, C/4 e C/5 il coefficiente da applicare è 140;
  • Per Istituti di credito, di cambio e assicurativi con categoria D/5 il coefficiente da applicare è 80.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.