Bollo auto arretrato, come sapere se si ha diritto al condono o se bisogna pagarlo

Con il Decreto Sostegni bis è possibile beneficiare del condono fiscale. Quali sono i passi da compiere per avere diritto al condono fiscale bollo auto?

di , pubblicato il
Con il Decreto Sostegni bis è possibile beneficiare del condono fiscale. Quali sono i passi da compiere per avere diritto al condono fiscale bollo auto?

Bollo auto arretrato? È possibile ottenere la cancellazione delle obbligazioni con il fisco fino a 5 mila euro, tra cui le somme dovute per non aver pagato il bollo auto?

Con il Decreto Sostegni bis è possibile beneficiare del condono fiscale. Quali sono i passi da compiere per avere diritto al condono fiscale bollo auto?

In realtà si parla di mini-condono delle cartelle sui debiti di importo inferiore ai 5.000 euro: si tratta di una procedura automatica visto che il Fisco è già in possesso di tutti i dati del contribuente.

Condono Bollo Auto: cos’è?

Il Condono è un provvedimento, tramite il quale i cittadini che vi aderiscono possono ottenere l’annullamento, totale o parziale, del bollo auto o di una sanzione.

A spiegare in dettaglio le regole del condono da 58 milioni di euro è il provvedimento approvato a marzo all’interno del Decreto Sostegni Bis.

Condono Bollo Auto: come funziona?

Il condono fiscale prevede la cancellazione automatica delle cartelle esattoriali fino a 5.000 euro.

Si tratta dei ruoli affidati all’Agenzia delle Entrate Riscossione tra il primo gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010.

Il condono fiscale contenuto nel Decreto Sostegni Bis comprende anche il mancato pagamento del bollo auto e delle sanzioni.

La cancellazione automatica delle cartelle fino a 5 mila euro è prevista per chi ha avuto nel 2019 un reddito inferiore a 30.000 euro (sia persone fisiche sia imprese).

Per beneficiare del mini-condono gli automobilisti possono fare riferimento alla data delle cartelle esattoriali.

La prima scadenza era il 20 agosto: l’Agenzia delle Entrate-Riscossione della riscossione ha inoltrato all’Agenzia delle Entrate (l’elenco dei codici fiscali dei contribuenti aventi uno o più debiti di importo inferiore a 5.000 euro, comprensivo di capitale ed interessi.

In caso di ruoli intestati a più debitori la cancellazione non sarà prevista se uno dei due debitori risulta tra i codici fiscali segnalati. La seconda scadenza è fissata per lunedì 30 agosto 2021.

Entro il 31 ottobre l’Agenzia di Riscossione procede d’ufficio alla cancellazione dei ruoli ed entro il 30 novembre deve notificare agli enti interessati l’annullamento delle cartelle.

Dal primo dicembre è possibile verificare l’avvenuta cancellazione controllando la posizione debitoria.

Condono Bollo Auto: come richiedere la cancellazione della cartella?

Il Fisco procede automaticamente alla cancellazione della cartella. Per verificare l’effettiva cancellazione bisognerà attendere la fine del mese di novembre.

 

 

 

Argomenti: