Assegni familiari: come richiedere l’autorizzazione

Quando c'è bisogno di chiedere 'autorizzazione ANF? Come e dove si richiede?

di , pubblicato il
Quando c'è bisogno di chiedere 'autorizzazione ANF? Come e dove si richiede?

L’Assegno per il nucleo familiare, o ANF, è un sostegno per i lavoratori dipendenti e per i pensionati da lavoro dipendente ed è calcolato in base alla tipologia del nucleo familiare, al numero dei suoi componenti e al reddito del nucleo stesso.   Per chiedere l’erogazione degli ANF al datore di lavoro è necessario essere in possesso dell’autorizzazione nei casi in cui Si richieda l’inclusione di nuovi membri nel nucleo familiare (figli, fratelli sorelle ecc…)    

  • Nei casi di separazione e di figli naturali quando si potrebbe presentare la possibilità di duplicazione dei pagamenti
  • Per i nuclei monoparentali e per i nuclei che comprendono familiari inabili laddove è possibile applicare l’aumento dei livelli reddituali
  • Laddove il coniuge non sottoscriva la dichiarazione di responsabilità nel modello ANF

  L’utente che si trova in uno di queste casistiche deve presentare domanda di autorizzazione per poter ricevere gli assegni familiari e la domanda va presentata all’Inps allegando la documentazione necessaria.

Si può presentare la domanda nei seguenti modi:

  • tramite i servizi telematici dell’Inps direttamente dal cittadino in possesso del PIN Inps
  • tramite Patronati o Caf
  • tramite il Contact Center ai numeri 803164 chiamando da rete fissa e 06164164 chiamando da rete mobile.

  Dopo la domanda di autorizzazione l’INPS rilascia il modello di autorizzazione ANF43 con la quale è possibile presentare la domanda al datore di lavoro.   L’erogazione degli assegni può essere anche effettuata direttamente dall’Inps nel caso l’utente presenti domanda di liquidazione degli assegni familiari allegando la dichiarazione sostitutiva (in questo caso non è necessaria autorizzazione ANF).   L’autorizzazione è prevista nei seguenti casi:

  • assegni per figli ed equiparati di coniugi separati o divorziati
  • per figli che siano nati al di fuori del matrimonio ma siano stati riconosciuti da entrambi i genitori
  • per figli del coniuge nati in un matrimonio precedente
  • per fratelli, sorelle e nipoti orfani di entrami i genitori
  • per nipoti in linea diretta a carico dei nonni
  • per familiari minorenni incapaci di compiere atti propri
  • per familiari maggiorenni inabili
  • per figli ed equiparati, studenti o apprendisti, di età superiore ai 18 anni compiuti ed inferiore ai 21 anni compiuti, purché facenti parte di “nuclei numerosi”, cioè nuclei familiari con almeno 4 figli tutti di età inferiore ai 26 anni;
  • nel caso di mancato rilascio della prevista dichiarazione del coniuge del richiedente sul modulo di domanda ANF/DIP da presentare per la richiesta di ANF al datore di lavoro.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: