La ricchezza delle famiglie italiane svetta anche sul piano finanziario

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane svetta nella UE, superando la media degli altri paesi e i livelli delle principali economie, tedesca e francese incluse. E dire che non siamo votati alla finanza.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane svetta nella UE, superando la media degli altri paesi e i livelli delle principali economie, tedesca e francese incluse. E dire che non siamo votati alla finanza.

Siamo il paese del terzo debito pubblico più alto al mondo, è vero, ma la ricchezza delle famiglie italiane è tradizionalmente solida e anche quest’anno viene confermata dalle cifre dell’Eurostat, relative al 2015 e che prendono in considerazione solo gli assets finanziari. Iniziamo con una precisazione: la finanza non è il piatto forte degli investimenti degli italiani, concentrati più che altro in assets tangibili, come il settore immobiliare. Eppure, nonostante le famiglie italiane non la prediligano, si piazzano meglio della media europea e di altre grandi economie UE pure in quest’ambito.

Le famiglie europee nel 2015 detenevano assets finanziari per complessivi 33.529 miliardi di euro, pari al 227,9% del pil UE. Allo stesso tempo, risultavano gravate di debiti di natura finanziaria per il 69,4% del pil, ovvero 10.208 miliardi di euro. Pertanto, la ricchezza finanziaria netta nella UE dei privati ammontava al 158,5% del pil. (Leggi anche: Ricchezza delle famiglie italiane in 20 anni è più che raddoppiata e resta solida)

Ricchezza finanziaria famiglie tornata ai livelli pre-crisi

Nell’arco dell’ultimo decennio, abbiamo assistito a un calo della ricchezza finanziaria fino al 181% del pil nel 2008, anno dell’esplosione della crisi finanziaria globale, ma anche a un successivo recupero ai livelli attuali, che risultano leggermente superiori a quelli toccati nel 2006. Costante, invece, appare il livello di indebitamento complessivo in rapporto al pil.

Quanto alle economie, dove le famiglie detengono maggiore ricchezza finanziaria rispetto al pil, troviamo: Olanda (324,5%), Regno Unito (324,1%), Belgio (308,6%) e Danimarca (304,6%). Viceversa, i membri UE, in cui le famiglie risultano maggiormente oberate da debiti finanziari, sono: Cipro (147,4%), Danimarca (133%) e Olanda (123,9%).

Ricchezza finanziaria delle famiglie italiane sopra media UE

E l’Italia? La ricchezza finanziaria delle nostre famiglie ammonta al 250% del pil, mentre l’indebitamento finanziario a circa il 60%. Al netto, quindi, deteniamo assets finanziari intorno al 190% del pil, superando realtà come la Danimarca, le cui famiglie godono di una ricchezza finanziaria netta di poco superiore al 170% e risultando appena sotto dell’Olanda con il suo 200%.

Le famiglie italiane, quindi, sono ricche di assets finanziari più della media europea e anche delle famiglie tedesche, che al netto dei debiti non vanno oltre il 130% del pil. Le stesse famiglie francesi si attestano intorno ai valori medi europei, quelle spagnole a livelli decisamente più bassi (sul 120% del pil). (Leggi anche: Risparmi famiglie italiane crollati dell’80% in 20 anni)

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: bolla finanziaria, Crisi economica Italia, Economia Europa, Economia Italia