Risparmi famiglie italiane crollati dell’80% in 20 anni, redditi fermi

I redditi delle famiglie italiane sono rimasti fermi in 20 anni, mentre sono più che raddoppiati i loro debiti e i risparmi sono crollati di oltre l'80%.

di , pubblicato il
I redditi delle famiglie italiane sono rimasti fermi in 20 anni, mentre sono più che raddoppiati i loro debiti e i risparmi sono crollati di oltre l'80%.

La crisi economica degli ultimi anni ha riportato l’Italia indietro con le lancette di parecchio tempo sul piano dei numeri macro. Tuttavia, il deterioramento delle condizioni di vita delle famiglie italiane risale a ben prima e semmai risulta accentuato con lo scoppio della crisi finanziaria e dell’economia del 2008. Analizzando i dati dell’OCSE, scopriamo, ad esempio, che nel 1995, i risparmi degli italiani erano mediamente pari al 16% dei loro redditi netti disponibili, quando lo scorso anno risultano di appena il 3%.

Rispetto a un ventennio fa, quindi, la capacità di risparmio del popolo italiano risulta crollata di oltre l’80% rispetto al loro reddito, cifre da brivido. Quando parliamo di redditi netti disponibili, facciamo riferimento a quelli lordi, dopo avervi detratto le imposte e i contributi previdenziali. In effetti, nel periodo considerato, la pressione fiscale è salita dal 38,6% al 43,3% del pil, erodendo di fatto i redditi delle famiglie, la cui capacità di spesa è cresciuta di poco, in termini percentuali rispetto al pil, passando dal 58,5% al 60,4%. (Leggi anche: Pressione fiscale cresciuta il triplo dal 2015 rispetto all’Europa)

Cresce la ricchezza delle famiglie italiane

A fronte di un reddito disponibile netto sostanzialmente invariato, il grado di indebitamento delle famiglie è più che raddoppiato dal 38,5% all’89,2%. Dunque, gli italiani percepiscono un reddito disponibile uguale, in termini reali, a quello di venti anni fa, ma risultano indebitati per oltre il doppio da allora.

Un dato positivo, eppure, esiste e riguarda la ricchezza netta delle famiglie italiane, che nel 1995 era pari al 344% del loro reddito netto disponibile, mentre lo scorso anno risultava salita al 553%. La componente fondamentale della ricchezza accumulata è data dagli immobili, anche se in termini reali, i prezzi di questi ultimi sono oggi esattamente ai livelli di venti anni fa, quando nell’area OCSE sono cresciuti mediamente nello stesso periodo del 40%.

(Leggi anche: Ricchezza famiglie italiane più che raddoppiata in 20 anni)

 

 

Argomenti: ,