WhatsApp, smartphone rubato? Come disattivare la chat e mantenere la privacy

Cosa succede in caso di furto? Ecco una guida molto importante: come disattivare WhatsApp se il nostro smartphone viene rubato. Focus privacy.

di , pubblicato il
Cosa succede in caso di furto? Ecco una guida molto importante: come disattivare WhatsApp se il nostro smartphone viene rubato. Focus privacy.

WhatsApp sta diventando sempre più importante nella nostra vita quotidiana: affidiamo, infatti, alla chat di messaggistica istantanea molti nostri ‘segreti’ o informazioni utili sul nostro conto. Ebbene, cosa succede se smarriamo lo smartphone? O ancor di più: cosa fare se il nostro telefonino ci viene rubato? Quando si smarrisce per un motivo o per un altro lo smartphone, occorre non farsi prendere dal panico, ma effettuare nel più breve tempo possibile una serie di operazioni per la propria sicurezza e privacy: molte informazioni, qualora finissero nelle mani sbagliate, potrebbero davvero ‘rovinare’ la nostra vita.

In tutti i sensi. Ecco, allora, come agire con WhatsApp.

WhatsApp sempre più simile a Facebook? Ecco le novità ‘sonore’ e ‘colorate’ in arrivo.

WhatsApp, sicurezza e privacy: come agire in caso di smarrimento o furto dello smartphone

Qualora, dunque, ci dovessimo ritrovare nella situazione di aver smarrito il nostro smartphone (sia in maniera accidentale che mediante vero e proprio furto), una delle prime azioni da compiere è disattivare la chat di WhatsApp. Colui che ha effettuato il furto compirà come prima azione proprio l’ingresso all’interno delle conversazioni, per cercare informazioni utili sul possessore ed eventualmente dati di interesse. Cosa fare, allora, per disattivare WhatsApp?

Qui, WhatsApp sotto attacco hacker: attenzione a ‘Postepay’ e messaggio ‘Perugina’.

Innanzitutto, bloccare la SIM: la prima azione da svolgere è quella di contattare il proprio gestore e chiedere il blocco immediato della SIM; in questo modo anche WhatsApp diventa assolutamente inutilizzabile.

In secondo luogo, inviare una richiesta specifica al servizio di assistenza WhatsApp: anche qualora non si tratti di furto, ma si voglia semplicemente bloccare il proprio WhatsApp, basta inviare una mail al centro assistenza [email protected]; occorre specificare le motivazioni, i propri dati e, solitamente in poche ore, il servizio dovrebbe essere sospeso.

Importante un’ultima indicazione: sospendere il proprio WhatsApp non significa perderlo per sempre; si ha infatti il tempo di 30 giorni per ritornare parte attiva della comunità, comprando un nuovo smartphone e installando nuovamente la app.

Dunque, non si perde nulla, se si seguono queste semplici indicazioni.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , , , , ,