Upscaling dei video funziona davvero? Cos’è e come si fa

Cosa significa fare upscaling di un video? Ecco di cosa si tratta e come si fa. Ma funziona davvero? In parte sì, in parte no.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Cosa significa fare upscaling di un video? Ecco di cosa si tratta e come si fa. Ma funziona davvero? In parte sì, in parte no.

Avete sentito parlare di upscaling per migliorare la qualità dei vostri film, ma non sapete come si fa e nemmeno di cosa realmente si tratta? Facciamo chiarezza. Innanzitutto, vi occorre sapere che per avere il meglio dai vostri dischi è necessario disporre di un televisore 4K, oltre che di un lettore blu ray della stessa risoluzione, cioè sempre 4K. Ma procediamo per ordine.

Upscaling, di cosa si tratta

Il termine viene sostanzialmente ad indicare un dispositivo in grado di migliorare la qualità d’immagine originaria e portarla alla sua risoluzione, o quanto meno avvicinarla. Ad esempio, se avete un blu ray classico, cioè a risoluzione 1080p, con un lettore capace di effettuare unpscaling è possibile avvicinarlo ad una risoluzione 4k, anche se non sarà mai come quello nativo. Naturalmente, sarà necessario che il lettore trasmetta poi in una tv di uguale risoluzione per ottenere l’effetto. Non solo, il cavo HDMI deve supportare l’alta velocità, quindi parliamo di un high speed 2.0.

Potrebbe interessarti anche: Galaxy Note 9 avrà il prezzo più alto di sempre, scheda tecnica phablet Samsung

Secondo alcuni esperti anche le tv sono in grado di upscalare le immagini, ovvero da sole quando ad esempio ci sintonizziamo sui canali del digitale terrestre che sono in SD, a parte pochi canali che riescono a trasmettere alcuni contenuti in HD. Ricordiamo che una tv 4K mostrerà inesorabilmente peggio questi canali, poiché ne amplificherà i difetti, questo naturalmente anche perché le tv 4k sono notoriamente grandi, quindi più l’immagine si allarga, più vengono fuori le imperfezioni di un video a bassa risoluzione.

L’effetto upscaling è riscontrabile con più sicurezza grazie ai lettori Ultra HD. Anche se la qualità non sarà mai come quella di un disco in 4K nativo e soprattutto con le caratteristiche spettacolari dell’HDR, Con questo tipo di lettori, all’inserimento di un disco blu ray classico, ovvero 1080p (e non 2100p che è il 4K), noteremo sicuramente dei miglioramenti, poiché potremo trovare una grana più compatta e meno pixelata, capace quindi di rendere la visione ancora più evoluta e definita.

Potrebbe interessarti anche: WhatsApp non funzionerà più su alcuni iPhone, ecco quali e perché

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: TV

I commenti sono chiusi.