Lamborghini Terzo Millennio, l’auto elettrica che si ripara da sola sarà realtà

Presentata la nuova Lamborghini Terzo Millennio, l'auto del futuro che è più di un semplice concept. Sarà elettrica e capace di ripararsi da sola.

di Giovanni Reale, pubblicato il
Presentata la nuova Lamborghini Terzo Millennio, l'auto del futuro che è più di un semplice concept. Sarà elettrica e capace di ripararsi da sola.

Si è molto parlato nei giorni scorsi della nuova concept auto presentata da Lamborghini, si chiama Terzo Millennio, un progetto davvero sensazionale che ha colpito tutti ritagliandosi ampie pagine su tutti i giornali. La nostra rubrica quindi non può non dedicare la massima attenzione a tale prodotto, andiamo a vedere di cosa si tratta.

Lamborghini Terzo Millennio, l’auto del futuro

Ambizioso quando prorompente, il progetto Terzo Millennio si presenta come auto elettrica del futuro. Lamborghini lo ha realizzato con l’aiuto dell’Institute of Technology di Massachussets. Durante lo sviluppo, si è dedicata particolare attenzione a precise aree ovvero: il sistema di stoccaggio dell’energia, materiali innovativi, il sistema di propulsione e il design. Gli scienziati hanno esaminato il potenziale dei super-condensatori, nella speranza che in futuro possano sostituire le batterie classiche.

Lamborghini Terzo Millennio è stata realizzata in carbonio ultraleggero con materiali rinforzati con fibre a matrice polimerica (CFRP) che in futuro sarà utilizzato come sistema di stoccaggio di energia. Se i ricercatori riescono a realizzare il loro piano, i veicoli elettrici del futuro non avranno bisogno di una batteria separata – l’energia sarà accumulata direttamente nel corpo dell’auto. Ma non è tutto. La grande caratteristica di questo materiale, e quindi della nuova Lamborghini, sarà quella di “guarire”. Avete capito, bene.

Leggi anche: Macchine in legno, in futuro saranno più resistenti dell’acciaio e consumeranno di meno

La struttura con plastica rinforzata con fibra di carbonio avrà la capacità di aggiustarsi praticamente da sola. Cerchiamo di capire meglio questo passaggio per non entrare troppo nel campo della fantascienza. Secondo l’idea degli sviluppatori, in caso di graffi o crepe avviene una procedura di recupero, durante la quale una speciale composizione chimica verrà consegnata alla posizione danneggiata attraverso micro canali, cementando il sito danneggiato e prevenendo un’ulteriore crescita delle crepe.

Lamborghini, un prototipo che va oltre il concept

Insomma, tale tecnologia sfida al momento davvero le leggi della fisica, tanto che infatti Terzo Millennio di Lamborghini rimane ancora un sogno futuristico, ma attenzione, non si tratta di un semplice concept. Il prototipo, prima o poi, diverrà realtà e allora queste caratteristiche che ci sembrano al momento utopistiche, saranno reali. Gli sviluppatori e gli addetti alla ricerca hanno infatti specificato che alcuni dei componenti utilizzati per la creazione dell’auto sono molto già vicini alla realtà.

La sede del conducente del Lamborghini Terzo Millennio è dotata di una “cabina di guida virtuale” al fine di addestrare il proprio proprietario su qualsiasi percorso impostato utilizzando il sistema di simulazione Piloted Driving. Quando poi il pilota prenderà familiarità con il percorso di simulazione nella vita reale, il sistema lo aiuterà ulteriormente proiettando un’auto fantasma virtuale davanti al parabrezza. Il sistema di propulsione è realizzato su uno schema piuttosto raro (anche se realistico), in cui ciascuna delle quattro ruote riceve un proprio motore elettrico.

Leggi anche: Toyota presenta nuovo concept, auto elettrica con pneumatici airless e finestrini con display

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nessuno

I commenti sono chiusi.