iPhone, il posto meno sicuro è l’App Store: ecco le truffe che circolano e come difendersi

Si è sempre detto che le app iOS per iPhone siano più sicure di quelle Android: ecco però le truffe che circolano. Come difendersi.

di , pubblicato il
Si è sempre detto che le app iOS per iPhone siano più sicure di quelle Android: ecco però le truffe che circolano. Come difendersi.

I luoghi più insidiosi per un possessore di smartphone sono il Play Store per Android e l’App Store per iOS (iPhone). Ebbene, non si può non riportare la seguente notizia: il noto analista Johnny Lin ha mostrato come nella classifica delle applicazioni più remunerative negli Usa ve ne sia una, di nome Clean & Security VPN, che si è posizionata al decimo posto con una sorta di truffa.

Non si tratta, ovviamente, di un caso singolo, ma del caso più clamoroso. Analizziamo la questione e cerchiamo di capire come difendersi.

Qui, Un buono sconto Conad di 250 euro non ve lo regalerà nessuno: ecco la nuova truffa WhatsApp.

Il caso della app per iPhone che ha guadagnato 80mila dollari con una ‘truffa’

Clean & Security VPN si è posizionata al decimo posto delle app più remunerative negli USA. Si tratta di una semplicissima applicazione che trova i contatti doppi; viene però presentata come un filtro per virus e malware offrendo servizio VPN. La truffa sta tutta nel costo del servizio: ben 100 dollari a settimana, dunque 400 dollari in un mese, in un sistema, come iOS per iPhone, che, per antonomasia, non presenta virus né malware. L’affare del secolo o, se vogliamo, la truffa del secolo. Facendo due calcoli, per arrivare a 80mila dollari in un anno, significa che soltanto 200 persone ci sono cascate: l’affare sta tutto nel fatto che basta davvero un numero ridotto di persone per raggiungere cifre elevatissime.

Ecco iOS 11 rende più sicuro iPhone alla guida, ma su Android già esisteva una app identica.

iPhone, truffe sull’App Store: come difendersi

Come difendere il proprio iPhone dalle truffe online? I consigli sono davvero difficili da dare. Innanzitutto, valutare con attenzione la app che si intende scaricare, soprattutto se presenta un servizio a pagamento. Poi, cercare informazioni in internet oltre a leggere gli eventuali feedback, per capirne la rilevanza e la reale efficacia. Infine e in generale, non essere mai troppo impulsivi: occorre confrontarsi sempre con qualcuno che ne sa di più, perché il mondo del tech, da quando si è diffuso a tutti gli utenti anche non esperti, diviene davvero un luogo difficile da proteggere e nel quale, se non si è grandi esperti, si rischia di cadere in truffe spesso ‘originali’ e difficili da riconoscere.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,