Poste Italiane e banche sotto attacco: come gli hacker prosciugano i conti e come difendersi

Attacco hacker contro Poste Italiane e siti di banche: conti prosciugati e pericoli davvero seri, come difendersi.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Attacco hacker contro Poste Italiane e siti di banche: conti prosciugati e pericoli davvero seri, come difendersi.

Si moltiplicano sempre di più le frodi online e ad essere colpiti sono i siti di Poste Italiane e quelli delle maggiori banche che offrono servizi online. Si tratta di un meccanismo molto semplice (il fenomeno del phishing: dalla parola inglese ‘fish’, che significa pesce, e che quindi dà l’immagine di ‘abboccare all’amo’ della truffa) e a quanto pare sarebbero molti gli utenti che avrebbero ‘abboccato’ ritrovandosi con il conto prosciugato o con altre tipologie di problemi: in parole semplici, arriva una e-mail o un messaggio sul telefonino che invita, per un qualunque motivo, ad effettuare l’accesso al proprio conto mediante un link che re-indirizza a un sito del tutto simile (a volte è davvero difficile ‘scoprire’ le differenze) a quello delle Poste o della banca di appartenenza.

A questo punto, il gioco è fatto: se si inseriscono le proprie credenziali (username e password), il tutto finisce nelle mani degli hacker e il conto si trova prosciugato in brevissimo tempo.

Come difendersi dagli attacchi hacker ai correntisti di Poste Italiane o altre banche

A lanciare l’allarme su questa tipologia molto insidiosa di frode online è la Polizia Postale che, in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook, ha mostrato anche lo screenshot di uno di questi siti-clone di Poste Italiane. Si tratta di un attacco in piena regola ed effettuato in maniera molto efficace: il suggerimento che viene dato è quello di effettuare una chiamata al call-center dell’istituto di riferimento per chiedere se la comunicazione è effettiva, dal momento che è davvero difficile riuscire a trovare le ‘differenze’ tra il sito originale e quello ‘clonato’.

Un consiglio che vogliamo dare noi, invece, è quello di effettuare il login al proprio conto soltanto ed esclusivamente a partire dai siti ufficiali: qualora dovesse arrivare una qualunque comunicazione via e-mail o messaggio, per verificare se si tratta di qualcosa di reale ed effettivo o di una frode o truffa, invece che cliccare sul link suggerito, basta effettuare l’accesso tramite sito ufficiale.

Leggete anche: Mondiali Russia 2018: truffe offerte biglietti a basso costo e wi-fi insicuro e  Truffe online non solo Postepay ma anche Unicredit, Bnl e San Paolo che svuotano il conto: come difendersi?.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Conto corrente, Truffe