Mutui a tasso fisso e variabile e prestiti personali: attenzione ai tassi usurai

Attenzione ai tassi usurai per mutui a tasso fisso e variabile. Ecco tutte le soglie.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Attenzione ai tassi usurai per mutui a tasso fisso e variabile. Ecco tutte le soglie.

In molti pensano di voler aprire un mutuo per l’acquisto della prima casa onde evitare di dover continuare a pagare un affitto per il quale alla fine non si ritroverà nulla tra le mani. Altri, invece, per effettuare lavoretti e per esigenze di vita quotidiana, richiedono di prestiti personali. Ebbene l’Adiconsum (che è l’Associazione di difesa consumatori e ambiente) invita gli utenti a fare attenzione ai tassi usurai quando ci si reca presso degli intermediari.

Attenzione ai tassi usurai per mutui a tasso fisso e variabile

L’Adiconsum invita coloro che devono per forza di cose accendere un mutuo o richiedere dei prestiti personali di fare attenzione ai tassi usurai. Qualora essi siano troppo alti assolutamente non si devono accettare. Per questo l’Associazione fa un esempio: se nei prossimi tre mesi si richiederà un mutuo a tasso fisso il TEGM fino a giugno 2018 non dovrà andare oltre il 2,77%. Tale sigla indica il tasso effettivo globale medio. Inoltre il tasso soglia non dovrà andare oltre il 7,4625%  altrimenti esso diventerà “USURAIO” ovvero fuori legge. Per quanto concerne un mutuo a tasso variabile il tasso effettivo globale medio non dovrà superare il 2,41 % e quello soglia il 7,0125%.

Tassi soglia comunicati dalla Banca d’Italia da aprile al 30 giugno 2018

Ecco i tassi effettivi globali medi rilevati ai sensi della Legge 108/96 e quelli soglia validi per il secondo trimestre 2018 ovvero da aprile al 30 giugno:

  • Aperture di credito in conto corrente (fino a 5.000 euro): il TEGM su base annua dovrà essere del 10,96 % mentre il tasso soglia su base annua del 17,7000%,
  • aperture di credito in conto corrente (sopra i 5.000 euro): il TEGM su base annua dovrà essere dell’8,74% mentre il tasso soglia su base annua del 14,9250%,
  • scoperti senza affidamento (fino a 1.500 euro): il TEGM su base annua dovrà essere del 15,90% mentre il tasso soglia su base annua del 23,8750%,
  • scoperti senza affidamento (sopra i 500 euro): il TEGM su base annua dovrà essere del 14,73% mentre il tasso soglia su base annua del 22,4125%,
  • credito personale (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 9,94% mentre il tasso soglia su base annua del 16,4250%,
  • credito finalizzato (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 9,36% mentre il tasso soglia su base annua del 15,7000%,
  • leasing immobiliare a tasso fisso (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 3,82% mentre il tasso soglia su base annua del 8,7750%,
  • leasing immobiliare a tasso variabile (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 3,17% mentre il tasso soglia su base annua del 7,9625%,
  • leasing aereonavale e su autoveicoli (fino a 25.000 euro): il TEGM su base annua dovrà essere del 7,19% mentre il tasso soglia su base annua del 12,9875%,
  • leasing aereonavale e su autoveicoli (oltre i 25.000 euro): il TEGM su base annua dovrà essere del 6,39% mentre il tasso soglia su base annua dell’ 11,9875%,
  • leasing strumentale (fino a 25.000 euro): il TEGM su base annua dovrà essere dell’8,05% mentre il tasso soglia su base annua del 14,0625%,
  • leasing strumentale (oltre i 25.000 euro): il TEGM su base annua dovrà essere del 4,45% mentre il tasso soglia su base annua del 9,5625%,
  • mutui con garanzia ipotecaria a tasso fisso (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 2,77% mentre il tasso soglia su base annua del 7,4625%,
  • mutui con garanzia ipotecaria a tasso variabile (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 2,41% mentre il tasso soglia su base annua del 7,0125%,
  • prestiti contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione (fino a 15.000 euro) TEGM dell’11.75% e tasso soglia del 18,6875% oltre i 15.000 euro TEGM dell’8,83% e tasso soglia del 15,0375%,
  • credito revolving (intera distribuzione: il TEGM su base annua dovrà essere del 16,14% mentre il tasso soglia su base annua del 24,1400%,
  • factoring (fino a 50.000 euro): il TEGM su base annua dovrà essere del 5,22% mentre il tasso soglia su base annua del 10,5250% mentre oltre i 50.000 euro il TEGM del 2,64% e il tasso soglia del 7,3000%,
  • finanziamento con utilizzo carte di credito (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 12,21% mentre il tasso soglia su base annua del 19,2625% e infine
  • altri finanziamenti (intera distribuzione): il TEGM su base annua dovrà essere del 10,18% mentre il tasso soglia su base annua del 16,7250%.

Leggete anche:  Mutui casa, banche più generose o c’è altro dietro al finanziamento di un acquisto?.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Mutuo a tasso fisso, Mutuo a tasso variabile

I commenti sono chiusi.