Assegno circolare o bancario, ecco la differenza

Assegno bancario e circolare, vediamo quali sono le differenze e perché il secondo è sicuro per il beneficiario.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Assegno bancario e circolare, vediamo quali sono le differenze e perché il secondo è sicuro per il beneficiario.

L’assegno è un titolo di credito, che assegna al titolare il diritto di riscuotere la somma indicata su di esso. E’ uno strumento di pagamento molto utilizzato per la sua comodità e sicurezza, essendo un’alternativa all’uso del contante. Ma non tutti gli assegni sono uguali. Avete sentito parlare di assegno circolare e di quello bancario? Adesso vi spieghiamo la differenza, tutt’altro che formale. Iniziamo dall’assegno bancario. Esso viene emesso dal titolare di un conto corrente, acceso presso una banca. Il titolo è coperto con i fondi di provvista detenuti nel conto medesimo. Quando il beneficiario si presenta allo sportello dell’istituto per riscuotere la somma ivi indicata, questa gli verrà erogata con un addebito sul conto corrente del soggetto che ha emesso l’assegno.

Rischi da emissione assegno bancario

Tuttavia, potrebbe anche accadere che il titolo sia stato emesso scoperto, volontariamente o meno, ovvero senza che sul conto collegato risulti una giacenza sufficiente per provvedere al pagamento. A quel punto, la banca blocca l’operazione e invia immediatamente al cliente un sollecito di copertura entro i 60 giorni successivi. Fatto sta, quindi, che il beneficiario di un assegno bancario potrebbe incorrere nel rischio di inadempienza da parte del debitore-emittente. Vero è, che nei termini previsti dalle norme, l’assegno può essere oggetto di protesto, ma nel frattempo il pagamento non avviene. Diverso è il caso di un assegno circolare, perché a differenza di quello bancario è sicuro. Infatti, qui il cliente si presenta allo sportello della banca e consegna al funzionario (in contante o con addebito immediato sul conto corrente) la somma necessaria a coprire il pagamento. Dunque, nel momento stesso dell’emissione dell’assegno circolare, questi risulta già coperto, per cui il destinatario ha la certezza che riceverà la somma indicata sul titolo, quando si presenterà allo sportello.      

Assegno circolare è sicuro

In genere, è necessario che questo assegno sia riscosso entro 30 giorni dalla data di emissione. La banca provvede spesso anche all’invio di una copia al beneficiario, attraverso la quale potrà verificare il numero progressivo del titolo e di conseguenza avere la sicurezza che il pagamento sarà effettuato. Gli assegni circolari sono utilizzati per lo più per transazioni di un certo valore, quando è necessario che il beneficiario venga garantito il più possibile dal rischio inadempimento della controparte. Chiaramente, questi titoli non vengono rilasciati al cliente con un carnet, come capita, invece, con gli assegni bancari, dato che devono essere emessi all’atto della richiesta e dietro immediata riscossione da parte dell’istituto della somma indicata su di essi.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Conti e Libretti, News Risparmio, Risparmio, Curiosità, Truffe

Leave a Reply