La stretta sui tassi FED si allenta e il picco si avvicina

Tassi FED ancora in rialzo dello 0,50% e ai massimi da 15 anni. La lotta all'inflazione negli USA non si ferma, ma avanza a ritmi più lenti.

di , pubblicato il
Tassi FED a +0,50%

Martedì e ieri, la Federal Reserve ha tenuto l’ultima riunione per quest’anno del FOMC, il suo braccio di politica monetaria. E il governatore Jerome Powell ha annunciato un nuovo rialzo dei tassi FED dello 0,50% al range del 4,25-4,50%. Si tratta del livello più alto raggiunto dal costo del denaro negli Stati Uniti da 15 anni a questa parte. E’ il segno che la lotta all’inflazione proseguirà fintantoché l’istituto non avrà conferme della sua discesa stabile. Il mercato si aspettava tale esito, per cui la reazione è stata quasi impercettibile. Il T-bond a 10 anni offre stamattina il 3,50%, mentre la scadenza a 2 anni rende il 4,23%. La curva dei rendimenti resta profondamente invertita, mai così dal 1981.

Tassi FED vicini al picco

L’informazione più interessante arrivata ieri è stata, però, un’altra. I funzionari alle dipendenze di Powell si attendono tassi FED fino al picco medio del 5,10% nel corso del 2023. Ciò corrisponde alle attese di un aumento fino al range 5-5,25%.

Va detto che i futures segnalati da CME Group, principale società di derivati al mondo, indicano che gli investitori si aspettino un rialzo dei tassi FED fino al 5% entro il prossimo semestre, salvo ripiegare al 4,50% entro la fine del 2023.

Invece, i “dot-com” della FED segnalano che non ci sarebbe alcun taglio dei tassi fino a tutto il 2023. Un’ipotesi forte, considerato che l’economia americana nel migliore dei casi si avvierebbe verso un deciso rallentamento. A tutt’oggi, comunque, lo spettro della recessione non sembra scontato, data la forte resilienza esibita dai fondamentali macro negli ultimi trimestri.

Tassi su anche in Europa

Ad ogni modo, anche la Banca Nazionale Svizzera ha alzato i tassi d’interesse dello 0,50% all’1%.

Lo stesso si accinge a fare la Banca d’Inghilterra. E nel primo pomeriggio di oggi, la Banca Centrale Europea (BCE) annuncerà quasi certamente un ulteriore rialzo dei tassi di mezzo punto percentuale. Ovunque, sia l’inflazione che i tassi sono considerati essere arrivati al picco o nelle sue vicinanze. In Europa, in particolare, le banche centrali puntano a stabilizzare i prezzi nei mesi prossimi agendo su altre misure di politica monetaria. Francoforte annuncerà oggi l’avvio del quantitative tightening, ovvero la cessazione dei reinvestimenti totali dei bond in scadenza acquistati negli ultimi anni con il “quantitative easing”.

Il mercato sconta tassi BCE fino al picco del 3% entro pochi mesi. Analisti e fonti vicine all’Eurotower lasciano intendere che la stretta monetaria si fermerebbe un po’ prima. Vedremo nel pomeriggio cosa avrà da dire al riguardo il governatore Christine Lagarde. La risalita del cambio euro-dollaro affievolisce la pressione su Francoforte.

[email protected] 

 

Argomenti: