Sciopero nazionale trasporti 24 luglio: stop treni, traghetti e mezzi pubblici, le info

Il 24 luglio si fermano treni, traghetti, mezzi pubblici locali, taxi e trasporto merci mentre il 26 toccherà agli aerei.

di , pubblicato il
Il 24 luglio si fermano treni, traghetti, mezzi pubblici locali, taxi e trasporto merci mentre il 26 toccherà agli aerei.

Luglio è un mese abbastanza caldo sul fronte scioperi soprattutto se si pensa alle partenze per le ferie di molti italiani, che durante il mese si sposteranno in aereo, treno o traghetto per raggiungere le varie località di vacanza. Di seguito le informazioni sullo sciopero nazionale dei trasporti del 24 luglio

Sciopero 24 luglio, tutte le informazioni

Le date da segnare sul calendario sono quelle del 24 e 26 luglio.

Il 24 luglio è stato infatti indetto uno sciopero nazionale di tutti i trasporti, meno che degli aerei, che riguarderà treni, traghetti, trasporto pubblico locale, taxi e autostrade. Il 26 luglio sarà invece la volta dello sciopero aereo. Le proteste sono state organizzate da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti per “per dare sostegno alla piattaforma unitaria di proposte Rimettiamo in movimento il Paese’ indirizzata al Governo”.

Si ferma anche Trenitalia

Per quanto riguarda i treni, questi si fermeranno per 8 ore, dalle 9.01 e le 17.01 del 24 luglio. I traghetti, invece, da e per le isole maggiori, sciopereranno per 24 ore, i porti per 12 ore mentre il trasporto merci per 4 ore. Sempre il 24 luglio è previsto uno stop dei taxi di 24 ore e del trasporto pubblico locale con modalità differenti in base alle città. A Roma, ad esempio, si fermeranno i mezzi pubblici Tpl per 4 ore, così come i mezzi pubblici Cotral dalle 12.30 alle 16.30. 

Dunque per chi dovrà spostarsi in  treno o con i mezzi pubblici o prendere il traghetto per dirigersi verso le isole, è consigliabile tenersi informato sullo stato della protesta considerando che saranno possibili varie cancellazioni. 

Lo sciopero nazionale degli aerei del 26 luglio

Problemi anche per chi deve partire in aereo con lo sciopero indetto per venerdì 26 luglio di 24 ore o 4 ore a seconda della categoria coinvolta. A fermarsi saranno tutto il personale Alitalia ma anche il personale Sea degli aeroporti di Milano Linate e Malpensa, e in genere tutti i dipendenti delle aziende del settore aereo ad esclusione di Enav in tutti gli aeroporti italiani. Saranno quindi possibili cancellazioni in tutti gli aeroporti e disagi per chi deve partire il giorno 26, una data considerata da bollino rosso per le partenze verso le mete vacanziere.

Leggi anche: Sciopero trasporti pubblici Milano 11 luglio 2019: orari e fasce garantite

Sciopero benzinai 17 luglio: carburante a rischio, i motivi della protesta

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,