Sciopero benzinai 17 luglio: carburante a rischio, i motivi della protesta

Sciopero dei benzinai il 17 luglio, ecco che cosa sapere.

di , pubblicato il
Sciopero dei benzinai il 17 luglio, ecco che cosa sapere.

E’ stato proclamato per il 17 luglio lo sciopero dei benzinai. L’annuncio è stato diffuso dalla Faib, la Federazione Autonoma Italiana Benzinai Confesercenti. Per il 17 di luglio, insomma, i benzinai saranno in rivolta e per gli automobilisti potrebbe essere un problema fare rifornimento. 

I motivi

Da quello che si apprende, lo sciopero dei benzinai nasce a causa “della gravità del fenomeno dell’abusivismo contrattuale e del peso degli adempimenti fiscali scaricati dalla filiera sui gestori carburanti ed ha deciso di proclamare lo sciopero generale per il 17 luglio 2019” così come ha comunicato la Faib.

Viene sottolineato che l’entrata in vigore della comunicazione telematica dei corrispettivi causa delle preoccupazioni nella categoria in quanto non vi sarebbero ancora i nuovi registratori fiscali e “ il provvedimento contenuto nel dl Crescita di chiarimento non risolve il problema posto dalle Federazioni di categoria di uno slittamento dell’obbligo al primo gennaio 2020”. 

Secondo Faib-Confesercenti, i benzinai saranno costretti, ad agosto, un mese già molto caldo per le partenze verso le mete delle vacanze, a mettere in atto una norma che “non considera che il fatturato dei gestori carburanti è viziato e determinato dalle accise”. La Faib precisa poi che “Il tutto va a coincidere con la chiusura della fase transitoria dell’introduzione della fattura elettronica, su cui permangono incertezze e difficoltà – spiega la Faib – con il rischio elevato di sanzioni pesanti per gli errori formali in un montante di circa 22 milioni di fatture già emesse”. 

Dunque il 17 luglio, a meno di cambiamenti, il benzinai protesteranno per tutta la giornata e chi ha necessità di fare carburante potrebbe ritrovarsi impossibilitato o costretto a fare benzina qualche giorno prima per evitare di rimanere a secco in un periodo di grandi partenze per le vacanze. 

Altri scioperi a luglio

Il mese di luglio, oltretutto, sarà caldo anche per la protesta dei taxi indetta per il 9 del mese e quella degli aerei che ci sarà il 10 luglio per quanto riguarda Air Italy e il 26 luglio a livello nazionale, dove oltre ad Alitalia sciopereranno i dipendenti Sea in molti aeroporto.

Il 24 luglio, invece, è stato indetto uno sciopero nazionale dei trasporti che riguarderà treni, traghetti, trasporti merci e porti e avrà una durata di 24 ore.

Leggi anche: Sciopero taxi del 9 luglio, c’è la conferma dei sindacati

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,