Volkswagen: negli USA condannata a 3 anni di ‘libertà vigilata’

Volkswagen è stata condannata venerdì scorso negli Stati Uniti a 3 anni di libertà vigilata con la supervisione di un'autorità indipendente

di Andrea Senatore, pubblicato il
Volkswagen

Un giudice federale a Detroit venerdì ha condannato Volkswagen a tre anni di ‘libertà vigilata’ e alla supervisione da parte di un’autorità indipendente, a seguito dello scandalo emissioni diesel che ha coinvolto la casa automobilistica tedesca condannata pagare 4.3 miliardi di euro, nel mese di gennaio come sanzioni penali e civili. Questa condanna di venerdì scorso è stata una degli ultimi grandi ostacoli per VW per poter superare lo scandalo che ha portato alla cacciata del suo amministratore delegato e ha appannato la reputazione della società in tutto il mondo.

 

Volkswagen: 3 anni di libertà vigilata

 

“Questo è un caso di frode deliberata e massiccia”, ha detto il giudice distrettuale Sean Cox nell’approvazione del regolamento che ha richiesto alla casa automobilistica di fare riforme significative. Inoltre ha formalmente approvato una multa penale da 2.8 miliardi come parte dell’accordo. Cox ha accetto l’accordo raggiunto tra Volkswagen e il governo degli Stati Uniti, ma ha respinto le richieste separate degli avvocati che rappresentano i singoli clienti della casa tedesca che chiedevano ulteriori risarcimenti.

 

La casa automobilistica tedesca si è dichiarata colpevole a marzo per frode, ostruzione della giustizia e anche per aver ammesso l’installazione del software segreto in 580.000 veicoli venduti negli USA. L’azienda ha accettato di spendere fino a 25 miliardi di dollari negli Stati Uniti per affrontare i reclami dai proprietari, dei regolatori ambientali, degli stati e anche dei rivenditori. Parlando a nome di Volkswagen, il consigliere generale Manfred Doess ha detto che la società “si rammarica profondamente per il comportamento che ha dato origine a questo caso, considerato come totalmente sbagliato,”ha detto.

 

Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato Venerdì che ha scelto l’ex vice procuratore generale Larry Thompson  come osservatore indipendente della società. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha accusato sette dirigenti di Volkswagen attuali ed ex di reati legati allo scandalo. Un dirigente è in custodia e in attesa di giudizio e un altro si è dichiarato colpevole e ha accettato di collaborare. I procuratori degli Stati Uniti hanno detto in gennaio che cinque dei sette dirigenti si ritiene siano in Germania. Essi non sono stati chiamati in giudizio.

 

Leggi anche: Audi Q4 e Q8: ufficiale il loro arrivo nel 2018 e nel 2019, ecco dove saranno prodotte

 

Volkswagen

 

Leggi anche: Audi svela secondo concept EV che potrebbe rivoluzionare tutto

 

Anche i procuratori tedeschi ultimamente stanno effettuando le proprie indagini sullo scandalo emissioni che ha colpito la celebre casa automobilistica di Wolfsburg. “Stiamo lavorato instancabilmente per affrontare la cattiva condotta che ha avuto luogo all’interno della nostra azienda e fare le cose giuste per i nostri clienti colpiti”, ha detto la società in un comunicato Venerdì. “Volkswagen oggi non è la stessa società che  è stata sino a 19 mesi fa.”

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Volkswagen