Toyota con i suoi modelli ibridi potrebbe aver finalmente fatto breccia in Cina

Toyota che per lungo tempo è stata snobbata dai cinesi, grazie allo sviluppo dell'ibrido potrebbe finalmente fare breccia nell'importante mercato

di Andrea Senatore, pubblicato il
Toyota

Per anni, la gamma di Toyota  ha dovuto affrontare un grande muro di indifferenza in Cina. Le imposte sui componenti importati hanno spinto il prezzo delle auto nipponiche in alto, mentre il governo cinese ha puntato sempre di più sui sussidi ai veicoli elettrici. Toyota però finalmente potrebbe essere riuscita a fare breccia in Cina. La decisione della casa automobilistica giapponese di spostare in Cina la produzione di componenti dei propulsori, quali batterie e motori nel 2015 ha permesso di introdurre versioni ibride dei suoi marchi, come ad esempio la Corolla, allo stesso prezzo delle versioni più tradizionali. 

 

Dalla decisione del governo cinese  di aiutare la diffusione degli ibridi  incentivando il loro acquisto Toyota vede un’opportunità. “Toyota sta mostrando alle altre case automobilistiche che gli ibridi hanno un ruolo da svolgere per contribuire a raggiungere i requisiti relativi ai livelli di emissione”, ha detto Zhou Jincheng, analista auto di  Fourin Inc. Le consegne di vetture ibride hanno più che triplicato  i loro numeri nel 2016 rispetto all’anno precedente, secondo il ricercatore di mercato di LMC Automotive. Circa due terzi delle vendite di questo settore sono arrivati dalle auto ibride di Toyota, Levin e Corolla, i cui componenti chiave sono stati prodotti a livello locale dal 2015.

 

L’aumento della domanda di auto ibride, come detto, è stata incentivata negli ultimi tempi anche dall’amministrazione del presidente Xi Jinping, che non fa mistero di volere 5 milioni di “veicoli di nuova energia”,elettrici, ibridi plug-in o ad idrogeno, nelle strade cinesi entro il 2020 per ridurre le emissioni di scarico e  la dipendenza nazionale dal petrolio importato. Governi centrali e locali hanno speso 15 miliardi di yuan (2,3 miliardi di dollari) per sovvenzionare i produttori di veicoli di nuova energia dal 2009, secondo quanto rivelato dalla televisione di Stato Cinese.

 

Leggi anche: Toyota inizierà ad ottobre 2017 i primi test sulle auto ad idrogeno per la Cina

 

Toyota FT-4X Concept

Toyota FT-4X Concept

 

Leggi anche: Toyota Auris 2018: la compatta ibrida di nuova generazione è in arrivo

 

Le case automobilistiche dovranno ridurre il consumo di carburante del 26 per cento rispetto al livello del 2015 per raggiungere l’obiettivo del governo di  una media di 5 litri per 100 chilometri entro il 2020, secondo una stima da Sanford C. Bernstein & Co. ricordiamo che il governo cinese prevede di eliminare gradualmente le sovvenzioni dopo il 2020.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Toyota

I commenti sono chiusi.