Fiat Chrysler: per Goldman Sachs farebbe bene a far uscire Magneti Marelli, Alfa Romeo e Maserati

Sergio Marchionne CEO di Fiat Chrysler secondo gli analisti di Goldman Sachs farebbe bene a scorporare anche Alfa Romeo e Maserati.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Di recente, si è parlato del possibile scorporo di Magneti Marelli, Alfa Romeo e Maserati da Fiat Chrysler Automobiles. Se il primo è stato confermato dallo stesso numero uno Sergio Marchionne come ipotesi molto probabile già per il 2018, lo spin off di Alfa Romeo e Maserati è stato per il momento escluso dall’amministratore delegato del gruppo italo americano. I due brand non sarebbero ancora pronti ad affrontare un simile passo. Marchionne li ha definiti, nei giorni scorsi, ‘immaturi’ per poter essere protagonisti di una simile operazione. Prima occorre rilanciare i marchi per bene in maniera da accrescerne ulteriormente il valore.

Per Goldman Sachs Fiat Chrysler dovrebbe lasciare andare anche Alfa Romeo e Maserati

Nonostante il giudizio di Sergio Marchionne, secondo gli analisti di Goldman Sachs, Fiat Chrysler farebbe bene a far uscire fuori dal proprio perimetro anche Alfa Romeo e Maserati. Solo in questo modo, infatti, emergerebbe il reale valore di Jeep, che secondo gli analisti da solo vale quasi quanto tutta Fiat Chrysler. Lo spin off di Maserati e Alfa Romeo assieme a quello di Magneti Marelli e Comau potrebbe portare 12 miliardi di dividendi straordinari. 

In pratica il mercato in questo preciso momento non terrebbe conto degli asset core di Fiat Chrysler Automobiles, questi potrebbero essere valorizzati nettamente proponendoli sul mercato separatamente. Vedremo se questa considerazione finirà per convincere Sergio Marchionne ad anticipare questa operazione come era stata ipotizzata in un primo momento.  Intanto, sicuramente il primo passo sarà lo scorporo di Magneti Marelli  e Comau. Su questa operazione maggiori informazioni dovrebbero trapelare tra la fine dell’anno e l’inizio del 2018.

 

Leggi anche: Fiat: Polonia e Serbia si contendono la produzione del nuovo modello

 

Sergio Marchionne CEO di Fiat Chrysler

Sergio Marchionne amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles secondo gli analisti di Goldman Sachs farebbe bene a scorporare anche Alfa Romeo e Maserati in futuro

 

Leggi anche: Fiat Argo Sedan prodotta in Argentina sarà messa in vendita nel 2018

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler