Fiat Chrysler chiude male il suo 2019 in Italia

Forte calo nel 2019 per il gruppo Fiat Chrysler Automobiles in Italia, ecco i dati

di , pubblicato il
Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler ha chiuso nel peggiore dei modi il suo 2019 in Italia. Anche nel mese di dicembre infatti il gruppo italo americano del numero uno Mike Manley ha visto calare le sue immatricolazioni rispetto al 2018. A dicembre 2019, infatti, il gruppo FCA ha venduto 31 mila unità nel nostro paese. Questo dato rappresenta un calo del 2,2 per cento rispetto allo stesso mese del 2018. Se invece andiamo a considerare le vendite dell’intero 2019 le cose peggiorano ulteriormente. Infatti la società del Presidente John Elkann in Italia ha totalizzato 454 mila unità vendute con un calo del 9.58% rispetto all’intero 2018.

Fiat Chrysler ha chiuso nel peggiore dei modi il suo 2019 in Italia, forte calo delle immatricolazioni nel nostro paese per il gruppo

Il marchio Fiat con 19 mila unità vendute a dicembre ha registrato una crescita percentuale del +2.91%. Il brand di Torino però nel 2019 ha perso l’11.6% a fronte dell’immatricolazione di 285 mila unità. Alfa Romeo invece ha visto calare le sue vendite del 40% nel 2019. Lancia invece ha chiuso il mese di dicembre in calo del 10 per cento ma con quasi 59 mila unità di Ypsilon vendute in tutto il 2019 ha visto aumentare le sue immatricolazioni del 21 per cento rispetto al 2018.

Per quanto riguarda Jeep, a dicembre la casa automobilistica americana ha venduto 5.741 unità in Italia  in calo del 14 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Considerando invece l’intero 2019 il marchio statunitense ha venduto 81 mila unità in calo del 3,6 per cento rispetto al 2018. Infine Maserati ha dicembre ha visto aumentare le sue immatricolazioni di quasi il 10 per cento rispetto a dicembre 2018 ma ha perso il 24,7 per cento considerando l’anno intero con l’immatricolazione di 2.081 unità. Si spera ovviamente che il 2020 di Fiat Chrysler Automobiles possa essere decisamente migliore in Italia.

Leggi anche: Fiat Chrysler: i concessionari in USA affermano di essere stati costretti ad acquistare auto

Argomenti: