Alfa Romeo dopo un anno torna a crescere in Italia

Nel mese di settembre del 2019 Alfa Romeo ha visto aumentare le sue immatricolazioni

di , pubblicato il
Alfa Romeo

Nel mese di settembre del 2019 Alfa Romeo ha visto aumentare le sue immatricolazioni. Era dal mese di agosto del 2018 che ciò non avveniva. La casa automobilistica del Biscione ha aumentato le sue consegne del 34 per cento rispetto al mese di settembre dello scorso anno. Sono state esattamente 2.175 le unità immatricolate lo scorso mese in Italia dallo storico marchio milanese. La quota di mercato che la casa italiana ha adesso in Italia è pari all’1,5 per cento.

Nel mese di settembre del 2019 Alfa Romeo ha visto aumentare le sue immatricolazioni

Sebbene il risultato sia molto positivo rispetto allo scorso anno, se guardiamo al mese di settembre del 2017 comunque le immatricolazioni si sono dimezzate. All’epoca infatti le consegne di Alfa Romeo in Italia furono più di 4 mila. Se invece andiamo a guardare ai primi 9 mesi dell’anno, le vendite della casa automobilistica del Biscione sono state esattamente 19.919 con un calo del 46 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per effetto di questo calo nel 2019 la quota di mercato del marchio milanese è passata dal 2,5 per cento all’1,36 per cento.

Questo risultato è merito in particolare dell’ottimo andamento tenuto dal suv Alfa Romeo Stelvio il mese scorso in Italia. Il veicolo infatti ha ottenuto un totale di 1.175 unità vendute nel nostro paese a settembre 2019 con una crescita del 35 per cento rispetto allo scorso anno. Se invece consideriamo i primi 9 mesi dell’anno, Stelvio ha ottenuto un totale di 8.993 unità vendute. Continua invece il calo delle due berline Giulia e Giulietta, che confermano la crisi che questo tipo di auto sta vivendo sul mercato.

Leggi anche: Formula 1: in Russia, il team Alfa Romeo Racing punta al suo miglior risultato di sempre

Alfa Romeo

 Nel mese di settembre del 2019 Alfa Romeo ha visto aumentare le sue immatricolazioni del 34 per cento rispetto allo scorso anno

Leggi anche: Formula 1: La FIA conferma la penalizzazione del team Alfa Romeo Racing in Germania

Argomenti: