TFR non pagato e il modulo SR163 da inviare all’Inps

Trattamento di fine rapporto: quando lo paga l'Inps? Come inviare il modulo SR163? Ecco tutte le indicazioni utili.

di , pubblicato il
TFR

Buongiorno, sono un ex dipendente, la vecchia cooperativa ci ha detto di mandare il modulo SR 163 all’Inps per ricevere TFR ma non so a che indirizzo e-mail o fax per poter mandare, mi può mandare un indirizzo e-mail o nr di fax li ringrazio in anticipo? Cordialmente.

TFR: quando si può chiedere all’Inps

Il TFR può essere chiesto all’Inps solo se l’azienda è fallita.

Bisogna presentare all’Inps una serie di documenti oltre al modello SR163.

I lavoratori sul pagamento del trattamento di fine rapporto sono tutelati dall’Inps, infatti in caso di fallimento aziendale, le ultime tre mensilità e il TFR sono pagati attraverso il fondo speciale istituito dall’Inps.

Per poter accedere al fondo, l’azienda deve dichiarare il fallimento e i lavoratori devono inserirsi nella procedura fallimentare. Quando il dipendente viene inserito nella procedura fallimentare, può inoltrare domanda all’Inps firmata dal curatore fallimentare per il riconoscimento dei crediti lavorativi compreso il TFR. Inoltre, vengono corrisposti anche gli interessi di ritardato pagamento decorrenti dal momento che viene presentata la pratica e la rivalutazione.

Troverà tutte le informazioni in quest’articolo: TFR e contributi, se l’azienda è fallita cosa fare?

Le consiglio di rivolgersi direttamente all’Inps o presso un patronato per far controllare la pratica se già è stata inviata e inoltrare il modulo SR163 correttamente compilato.

Modello SR163: di cosa si tratta

Il modello SR163 deve essere presentato all’Inps quando si richiede un sussidio di sostegno al reddito, ad esempio: Bonus bebè, Naspi, ecc.

Nel modello SR163 vengono indicati i dati di come si vuole essere pagati. Si può scegliere la domiciliazione su cui si intende far arrivare il pagamento: bancaria o postale; bonifico in c/c indicando le apposite coordinate; il bonifico con domiciliazione presso un ufficio postale; su carta prepagata con iban.

Il modulo prima di essere inviato all’Inps dev’essere validato con timbro della banca o dell’ufficio postale e la firma dell’impiegato.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,