Svelata la misura anti povertà che potrebbe prendere il posto del reddito di cittadinanza dal prossimo anno

Il 25 settembre si terranno le nuove elezioni parlamentari. Sono in molti a credere che il reddito di cittadinanza abbia le ore contate.

di , pubblicato il
La ricarica reddito di cittadinanza settembre

Il futuro del reddito di cittadinanza è sempre più incerto. Da desta a sinistra, questo sussidio proprio non piace. Alcuni vorrebbero soltanto modificarlo e rendere più efficace la parte che riguarda la ricerca di un nuovo lavoro. Altri, come Renzi e Meloni, vorrebbero eliminarlo del tutto.

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha da poco depositato in Cassazione un quesito referendario per chiederne la sua abolizione. Referendum che, molto probabilmente, sarà anche superfluo. Il prossimo 25 settembre, si terranno le prossime elezioni per la scelta di un nuovo governo. Governo che, stando ai sondaggi, potrebbe essere composto dalla coalizione di centro destra, da sempre contraria al sussidio.

Gorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, presto potrebbe diventare il prossimo presidente del Consiglio dei ministri. Nel programma di Fratelli d’Italia è prevista l’abolizione del reddito di cittadinanza. Al suo posto, però, potrebbe essere istituito il cosiddetto “reddito di solidarietà”. Ma di cosa si tratta?

Reddito ci cittadinanza, presto potrebbe essere sostituito il reddito di solidarietà 

Come già detto in apertura, La Meloni (ma in realtà la maggior parte dei partiti) vorrebbe abolire il reddito di cittadinanza. Ovviamente, al suo posto, dovranno essere sempre previsti degli adeguati strumenti di welfare.

In passato c’era il Reddito di Inclusione (REI), adesso il Reddito di Cittadinanza, in futuro (è molto probabile) potrebbe arrivare il “reddito di solidarietà”.

Soltanto pochi giorni fa, la leader di Fratelli d’Italia ha dichiarato di essere fortemente contraria ai bonus e al reddito di cittadinanza per i giovani.

“Dobbiamo loro una vita dignitosa, sono soggetti attivi che vanno coinvolti”.

Con il “reddito di solidarietà”, sostanzialmente, spetterebbe un sussidio solamente ai non occupati di età superiore a 60 anni, nonché alle famiglie con minori o persone con disabilità.

Niente beneficio, dunque, ai giovani senza un lavoro. In effetti, molte delle critiche al reddito di cittadinanza riguardano proprio questo punto. Con il sussidio dei 5 stelle, i giovani, in piana capacità lavorativa, rischiano di preferire un sussidio ad un’attività lavorativa.

Come già detto in apertura, la coalizione di centro destra è la favorita alle elezioni del 25 settembre. Per questo motivo, sono in molti a credere che il reddito di cittadinanza abbia le ore contate.

Argomenti: ,