Restituzione bonus 600 euro, controlli prima o dopo il pagamento? Cosa succede se non spettava?

Verifica delle domande per il bonus 600 euro: che cosa rischia chi dichiara il falso e ottiene il sussidio pur non avendone i requisiti. Potrebbe succedere?

di , pubblicato il
Verifica delle domande per il bonus 600 euro: che cosa rischia chi dichiara il falso e ottiene il sussidio pur non avendone i requisiti. Potrebbe succedere?

L’Inps ha assicurato che il pagamento del bonus 600 euro avverrà senza ritardi, nonostante i problemi tecnici inizialmente riscontrati sul sito. E in effetti i primi accrediti sono già pervenuti (e ribadiamo, a smentire una delle ultime fake news, che si tratta di 600 euro reali e non lorde). Si sta procedendo quindi, contestualmente al riconoscimento dei voucher baby sitter e dei congedi parentali, a corrispondere i bonus ai lavoratori autonomi e a partita IVA. Intanto per il bonus 600 euro, al fine di evitare lungaggini dell’iter per i pagamenti, l’Inps ha assunto l’onere di verificare direttamente la corrispondenza tra la titolarità del conto corrente e l’identità di chi fa domanda. Sulla carta questo controllo potrebbe anche rientrare negli strumenti a disposizione dell’Ente di previdenza: il problema sono i tempi che questo passaggio richiede. Rispetto alla procedura standard si snelliscono i passaggi tuttavia la procedura interna per questa verifica ha richiesto un aggiornamento nelle funzioni del sistema.

Una mole di lavoro, quella che grava sull’Inps, che probabilmente rende difficile, se non impossibile, anteporre controlli mirati in questo momento di emergenza. Ma ciò non significa che non ci siano conseguenze per chi fa domanda per il bonus 600 euro o per altri sussidi pur senza possedere i requisiti richiesti.

Per stanare eventuali furbetti che inviano domanda per il bonus 600 euro pur non avendone diritto, sono previsti controlli ministeriali. Ricordiamo che non si tratta solo di dover restituire 600 euro non spettanti: chi dichiara il falso deve rispondere dell’accusa di danno erariale.

Simili dubbi potrebbero riguardare anche il reddito di emergenza allo studio del governo. Chi controlla che chi lo incassa abbia i requisiti? L’idea più battuta è quella di seguire per gli accrediti gli stessi mezzi utilizzati per l’erogazione del bonus da 600 euro per le partite IVA.

Si ricorrerebbe ad un’autodichiarazione in cui si conferma, sotto la propria responsabilità, di non avere mezzi di sussistenza. I controlli sulla veridicità di quanto dichiarato, come avviene per le domande del bonus 600 euro, avverrà in un secondo momento incrociando i dati delle banche dati Inps e dell’Agenzia delle Entrate in modo da escludere le domande provenienti da chi percepisce altri sussidi o i titolari di pensioni.

Visto che stiamo affrontando l’argomento dei controlli sulle domande del bonus 600 euro, ricordiamo che è invece una bufala l’SMS che invita ad aggiornare la richiesta. Si tratta di un tentativo di phishing sul quale ha messo in allerta anche la Polizia Postale.

 

Argomenti: , ,