Ravvedimento Operoso e debiti fiscali: interessi legali mai cosi bassi. Ecco come approfittarne

Tasso d’interesse quasi nullo, soltanto dello 0,05% per i debiti fiscali. Vediamo meglio di cosa si tratta.

di , pubblicato il
Tasso d’interesse quasi nullo, soltanto dello 0,05% per i debiti fiscali. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Una notizia davvero positiva, soprattutto per i ritardatari dei pagamenti fiscali. Gli interessi sui debiti fiscali, complice l’attuale congiuntura economica, scendono drasticamente rispetto allo scorso anno, fino allo 0,05%.

Un interesse quasi nullo, specie se lo si paragona con quello dello scorso anno dello 0,80% o, in particolar modo, a quello degli anni passati che ha toccato il suo massimo storico al 10% annuo.

Gli effetti positivi si avranno soprattutto in capo ai pagamenti fiscali con Ravvedimento Operoso. Ma vediamo meglio di cosa si tratta.

Interessi legali cosa sono e a chi si applicano

Sostanzialmente, gli interessi legali si applicano ai contribuenti che effettuano un Ravvedimento Operoso (istituto che permette di regolarizzare omessi o insufficienti versamenti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni).

Gli Interessi legali passivi vengono calcolati in base a due criteri:

  • Il rendimento dei Bot a 12 mesi;
  • Il tasso di inflazione annuo.

Complice la congiuntura economica di questo periodo, il tasso legale è giunto allo 0,05% annuo a partire dal primo gennaio 2020.

Per calcolare gli interessi legali dovuti al fisco bisogna prima dividere il tasso d’interesse legale (in questo caso dello 0,05%) per 365 giorni e moltiplicare il risultato per i giorni di effettivo ritardo.

Facciamo un esempio:

Un contribuente ha un debito di 10 mila euro nei confronti del fisco e paga, attraverso l’istituto del ravvedimento operoso, con un ritardo di 2 mesi (dal primo gennaio al primo marzo) ossia un ritardo di 59 giorni (31 giorni di gennaio + 28 giorni del mese di febbraio).

Il risultato sarà uguale a 0,81 euro di interessi maturati nei confronti dell’erario.

Decisamente una cifra di poco conto, soprattutto se si considera il massimo storico degli anni scorsi.

Insomma, un gradito risparmio per tutti i contribuenti ritardatari.

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Argomenti: ,