Proroga bonus casa 2020: come funzioneranno e novità più importanti

Bonus casa 2020: aggiornamenti sulle detrazioni che saranno oggetto di proroga.

di , pubblicato il
Bonus casa 2020: aggiornamenti sulle detrazioni che saranno oggetto di proroga.

Stefano Patuanelli, neo ministro dello sviluppo economico, conferma la necessità di una proroga dei cosiddetti “Bonus Casa” per il 2020.

Bonus Casa 2020: verso la proroga ufficiale?

Con legge di bilancio 2019, in buona sostanza, vengono prorogate tutte le agevolazioni del 2018 in tema di ristrutturazione casa, in particolare vengono riproposti i:

Bonus ristrutturazioni: per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019 è possibile usufruire di una detrazione IRPEF del 50% fino al limite massimo di spesa è di 96.000 euro.

Bonus mobili: È una detrazione Irpef per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro, comprensivo delle eventuali spese di trasporto e montaggio, e deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Bonus verde: È una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute nel 2019 per i seguenti interventi: «sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi» oppure per la «realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili». La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo, comprensivo delle eventuali spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

Ecobonus: consiste in una detrazione dall’Irpef o dall’Ires ed è concessa
quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti. In generale, le detrazioni sono riconosciute per: la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi); l’installazione di pannelli solari; la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2019. Per la maggior parte degli interventi la detrazione è pari al 65% anche in questo caso da ripartire in 10 rate annuali di pari importo.

Incentivi fiscali, questi, destinati alla scadenza naturale entro la fine del 2019.

Proroga 2020: quali detrazioni si potranno chiedere il prossimo anno

Stefano Patuanelli, neo ministro dello sviluppo economico, con un messaggio alla ventinovesima edizione del Coordinamento legali di Confedilizia, svolta a Piacenza, ha ribadito la necessità di una proroga di tutti gli incentivi legati alle ristrutturazioni e all’efficienza energetica.


Aggiunge: l’obiettivo non è soltanto quello di prorogare tali misure anche per l’anno 2020, ma, con un deciso impegno da parte del governo, potrebbero essere rese strutturali. Tutto ciò al fine di promuovere un mercato immobiliare che ormai da troppo tempo è in crisi.

Leggi anche:

Bonus casa: che cosa potrebbe cambiare con lo sconto in fattura

Argomenti: ,