Ecobonus e bonus casa: lo sconto arriva direttamente in fattura

Per gli interventi di efficienza energetica (bonus casa) e antisimici, possibilità di ottenere direttamente lo sconto in fattura anziché a rate con la dichiarazione dei redditi.

di , pubblicato il
Per gli interventi di efficienza energetica (bonus casa) e antisimici, possibilità di ottenere direttamente lo sconto in fattura anziché a rate con la dichiarazione dei redditi.

Novità per ecobonus e bonus casa. Basta detrazioni per lavori di ristrutturazione di casa e impianti energetici con recupero dei benefici in dichiarazione dei redditi per anni. Da oggi lo sconto si potrà ottenere direttamente in fattura. Lo prevede l’art. 10 del D.L. n. 34 del 2019 (decreto Crescita) che ha introdotto alcune modifiche alla disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e di riduzione del rischio sismico. Una misura che semplificherà sicuramente la vita dei cittadini e che darà un ulteriore contributo alla lotta all’evasione fiscale.

Bonus casa direttamente in fattura

Infatti, il bonus per le detrazioni per la sostituzione di una caldaia, ad esempio, finora poteva essere usufruito riportando l’importo spettante in dichiarazione dei redditi con restituzione della somma spettante in rate annuali. Cosa che talvolta faceva desistere il consumatore dal richiedere la fattura alla ditta accordandosi diversamente per ottenere un commisurato sconto pagando in nero. Ora, con l’entrata in vigore della legge, chi spende potrà ottenere immediatamente lo sconto in fattura senza dover più recuperare il bonus con la dichiarazione dei redditi.

Come funziona lo sconto in fattura

A chiarire le modalità di ottenere lo sconto pari al bonus direttamente in fattura è l’Agenzia delle Entrate con provvedimento n. 660057 del 31 luglio 2019. Secondo quanto disposto dal documento, coloro che intendono optare per lo “sconto in fattura” devono comunicarlo all’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese per gli interventi che danno diritto alle detrazioni. Dal canto suo, il fornitore che ha praticato lo sconto, potrà recuperare il relativo importo sotto forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione tramite modello F24, a decorrere dal giorno 10 del mese successivo a quello in cui è stata effettuata la comunicazione dell’opzione per lo sconto, in cinque quote annuali di pari importo.

La comunicazione deve essere fatta servendosi del sito internet dell’Agenzia o utilizzando il modulo allegato al Provvedimento.

Sconto solo per interventi di efficienza energetica e antisismici

Lo sconto è pari alla detrazione spettante per gli interventi effettuati, in base alle spese sostenute entro il 31 dicembre del periodo d’imposta di riferimento e vale per gli interventi di efficienza energetica e per quelli finalizzati all’adozione di misure antisismiche. La possibilità di optare per l’opzione sconto in fattura è estesa anche agli interventi di ristrutturazione edilizia (Bonus casa), limitatamente a quelli finalizzati al conseguimento di risparmi energetici e installazione di impianti a fonti rinnovabili, compreso il fotovoltaico.

 

Argomenti: ,