Prezzo benzina troppo alto col petrolio ai minimi storici: Codacons denuncia

Il prezzo della benzina non scende nonostante il costo del petrolio sia ai minimi storici. Codacons sul piede di guerra e petrolieri nel mirino della magistratura.

di , pubblicato il
Il prezzo della benzina non scende nonostante il costo del petrolio sia ai minimi storici. Codacons sul piede di guerra e petrolieri nel mirino della magistratura.

Il prezzo del petrolio è sceso al minimo storico, ma il costo della benzina continua a restare alto. Per questo motivo Codacons sta presentando una raffica di esposti nelle varie Procure italiane affinché intervengano.

Secondo Codacons, le compagnie petrolifere, colpite duramente dalla crisi, potrebbero ritardare volutamente l’abbassamento dei prezzi dei carburanti alla pompa per speculare ai danni dei consumatori. Del resto sono settimane che il prezzo del petrolio scende, ma i prezzi finali di benzina e diesel cambiano di pochissimo.

La denuncia del Condacons

Stando ai dati ufficiali, da inizio anno il prezzo del petrolio sui mercati è sceso del 75%, ma il prezzo della benzina solo del 12%. Troppo poco. Pur considerando il peso statico delle accise che grava sui carburanti in Italia e che incide per circa i due terzi della componente finale del prezzo al litro, la variazione della componente energetica non sembra essere stata recepita dai petrolieri. Così, dopo aver sollevato il problema denunciando un tentativo di truffa ai danni dei consumatori, Codacons ha presentato ufficialmente denuncia alla Procura di Cagliari, Nuoro, Sassari e Oristano. E ora si appresta a farlo presso altre procure italiane coinvolgendo tutte le Regioni del Paese. In sintesi, l’associazione per i diritti e la tutela dei consumatori afferma che, nonostante sia avvenuto un drastico calo del prezzo del petrolio al barile, non sono avvenute ripercussioni sui prezzi dei carburanti alla pompa, a differenza di quanto accaduto negli altri Paesi Ue.

Consumi petroliferi in calo a marzo

I consumi petroliferi italiani sono ammontati a 3,3 milioni di tonnellate, con un decremento pari al 31% (-1.485.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2019. Lo rende noto l’Unione Petrolifera spiegando che i consumi di carburanti autotrazione (benzina + gasolio), sono risultati pari a 1,5 milioni di tonnellate, di cui 0,3 milioni di benzina e 1,2 milioni di gasolio, con un decremento del 43,5% (-1.132.

000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2019. In particolare: la benzina totale ha mostrato un calo del 51,9% (-307.000 tonnellate) mentre la benzina venduta sulla rete del 51,3% rispetto a marzo 2019; il gasolio autotrazione evidenzia un decremento del 41% (-825.000 tonnellate), mentre il gasolio venduto sulla rete del 48,4% rispetto a marzo 2019. Complessivamente ad aprile i consumi petroliferi dovrebbero scendere di oltre il 50%, portando il calo di questi primi due mesi sui quali hanno impattato le misure di contenimento (marzo e aprile) a circa 4 milioni di tonnellate, cioè un meno 41% rispetto allo scorso anno. Nel primo trimestre i consumi petroliferi italiani sono ammontati a 12,7 milioni di tonnellate, con un decremento del 10% (-1.423.000 tonnellate) rispetto al primo trimestre 2019.

Argomenti: ,