Pensione dipendenti e autonomi, uomini o donne: differenze tra 2022 e 2023 senza la riforma

Per la pensione dipendenti e autonomi, uomini o donne, vediamo nel dettaglio quali sono le differenze. Tra il 2022, anno in corso, ed il 2023 senza la riforma strutturale della previdenza pubblica. Dato che al momento, a causa di altre urgenze, la riforma delle pensioni non può che attendere. Cosa dobbiamo aspettarci.

di , pubblicato il
Pensione dipendenti e autonomi, uomini o donne: differenze tra 2022 e 2023 senza la riforma

Per la pensione dipendenti e autonomi, uomini o donne, vediamo nel dettaglio quali sono le differenze. Tra il 2022, anno in corso, ed il 2023 senza la riforma strutturale della previdenza pubblica. Dato che al momento, a causa di altre urgenze, la riforma delle pensioni non può che attendere.

Nel dettaglio, per la pensione dipendenti e autonomi, uomini o donne, ci sono attualmente delle differenze che sono anche di genere. Visto che, per fare un esempio lampante, la via d’uscita anticipata dal lavoro per le donne è più facile anche al di sotto dei 60 anni di età. Vediamo perché nel dettaglio.

Pensione dipendenti e autonomi, uomini o donne: differenze tra 2022 e 2023 senza la riforma

In particolare, per la pensione dipendenti e autonomi le donne hanno la possibilità di ritirarsi dal lavoro con l’Opzione Donna avendo versato 35 anni di contributi. E con il requisito anagrafico che, come sopra accennato, è inferiore ai 60 anni. Precisamente, con Opzione Donna, 59 anni per le lavoratrici autonome. E 58 anni di età per le lavoratrici dipendenti.

Tutto questo, per la pensione dipendenti e autonomi, non è previsto per gli uomini. Non c’è infatti una ‘Opzione Uomo’ ma altre misure di pensionamento anticipato accessibili con un’età ben oltre i 60 anni. Vediamo come nel dettaglio.

Differenze e scenari previdenziali tra 2022 e 2023 senza la riforma

Per la pensione dipendenti e autonomi quest’anno gli uomini possono ritirarsi dal lavoro prima dei 67 anni con l’Ape Sociale oppure con la Quota 102. Se in possesso dei relativi requisiti con, rispettivamente, 63 e 64 anni di età richiesti. Ma quel che più preoccupa ad oggi è lo scenario previdenziale senza riforma nel 2023. In quanto Ape Sociale ed Opzione Donna, ma anche la Quota 102, senza proroghe spariranno dato che sono valide solo per l’anno in corso.

Argomenti: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,