Pagamenti e soldi tra amici e parenti: nuove regole da luglio, occhio alle multe

Scende la soglia per i pagamenti in contanti: attenzione rischiano multe non solo gli evasori ma anche amici e parenti che si prestano o regalano denaro

di , pubblicato il
Scende la soglia per i pagamenti in contanti: attenzione rischiano multe non solo gli evasori ma anche amici e parenti che si prestano o regalano denaro

Il nuovo limite per i pagamenti in contanti, operativo tra pochi giorni (dal primo luglio) riguarda, come abbiamo visto, anche prestiti o donazioni in denaro tra amici e parenti. La soglia, da molti criticata, scenderà a 2 mila euro (rispetto ai 3 mila attuali).

Leggi anche:

Come prestare soldi ai parenti senza violare il limite per i trasferimenti in contanti

Quando si parla di limite per i pagamenti in contante qualcuno pensa erroneamente solo ai trasferimenti di soldi per visite mediche o professionisti in genere. E certamente il primo obiettivo è combattere il nero. Ma per farlo si agisce a 360 gradi. Questo significa scoraggiare l’uso del contante in certi settori anche al di sotto della soglia di 2 mila euro. Ad esempio, a seguito dell’ultima Legge di Stabilità, per portare in detrazione le spese mediche è necessario pagare con metodo tracciabile (no contanti). Dall’altro vuol dire anche limitare i pagamenti in contanti oltre i 2 mila euro tout court, anche se si tratta di donazioni e prestiti tra amici e parenti. Vale per genitori che danno soldi ai figli e viceversa. Pensiamo anche ai regali di matrimonio (le classiche bustine con i soldi dentro da dare agli sposi). Sono tutte situazioni di cui ora si dovrà tener conto nel rispettare il limite per i pagamenti in denaro contante.

Meglio abituarsi visto che la riduzione sarà progressiva e l’obiettivo è il cashless: dal primo gennaio 2022 si scenderà a mille euro.

Argomenti: ,