Mutuo con partita IVA: anche senza garante?

Nella pratica di mutuo partita Iva diversi sono i fattori considerati dalla banca ai fini del buon esito dell’iter di concessione

di , pubblicato il
Mutuo con partita IVA: anche senza garante?

Un mutuo partita Iva presenta un iter più minuzioso per essere concesso rispetto al caso in cui il richiedente sia un lavoratore dipendente con regolare busta paga o un pensionato.

La categoria con strada spianata è sicuramente è quella per il dipendente pubblico. La banca o altro istituto di credito in questo caso hanno a garanzia per il pagamento delle rate, uno stipendio a tempo indeterminato.

Per chi ha partita Iva, invece, ciò che conta è il fatturato presente e il potenziale futuro.

Mutuo partita Iva: i fattori per il successo della pratica

Che si tratti di un libero professionista, di una ditta individuale o di una società, la banca non chiude le porte alla richiesta del mutuo. In tal caso, tuttavia, si cercano garanzie. Un fatturato elevato risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi o un utile alto come da ultimo bilancio approvato sono fattori favorevoli alla pratica.

Così come la presenza di un garante. Fondamentali anche gli anni di vita dell’attività. Un’impresa consolidata sul mercato è una maggiore garanzia per l’istituto di credito rispetto ad un’impresa la cui attività risulta avviata da pochi anni.

L’assenza di posizioni debitorie verso il fisco e il risultare essere regolari pagatori per finanziamenti già in essere (o passati) sono ulteriori fattori che possono influire positivamente sull’esito della pratica di mutuo partita Iva.

I documenti richiesti

La pratica di un mutuo partita IVA richiede la raccolta da parte della banca di una serie di documenti. In dettaglio:

  • codice fiscale e partita IVA del richiedente
  • documento di riconoscimento del richiedente (se trattasi di società, serve visura camerale)
  • ultima dichiarazione dei redditi presentata
  • ultimo bilancio approvato (se trattasi di società tenuta all’approvazione del bilancio)
  • alcune banche chiedono anche prova dell’iscrizione all’albo se il richiedente il mutuo è un libero professionista.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,