Multe stradali + 11% da gennaio 2023, aumentano più dell’inflazione

Forti aumenti delle multe stradali da gennaio 2023. Il salasso per le sanzioni al codice della strada sale più del tasso di inflazione.

di , pubblicato il
multe stradali cartelle

Multe stradali decisamente più pesanti per chi viola le norme del codice della strada. Dal 2023 si pagherà l’11 per cento in più su tutte le sanzioni previste dal codice della strada. Un salasso che supera di colpo il tasso di inflazione 2022 rilevato dall’Istat.

L’adeguamento degli importi delle multe stradali è previsto dalla normativa vigente che assoggetta a revisione biennale le tariffe al codice della strada. E l’incremento non è altro che la diretta conseguenza dell’aumento dell’inflazione. Quindi, massima attenzione alle regole se non si vuole incappare in onerose sanzioni.

Multe stradali: +11% dal 2023

I maxi rincari scatteranno dal 1 gennaio 2023 e riguarderanno, come detto, tutte le sanzioni al codice della strada. Dalla semplice multa prevista per il parcheggio scaduto ai casi più estremi dell’eccesso di velocità o guida senza patente.

Le sanzioni più frequenti sono quelle che provengono dagli autovelox fissi e mobili. Ogni anno in Italia vengono comminate oltre 2,5 milioni di multe stradali per violazione dei limiti di velocità.

Un record che curiosamente spetta al nostro Paese in ambito Ue. Sono circa 8.000 su tutto il territorio nazionale gli autovelox installati e sono in deciso aumento.

Per i Comuni si tratta di introiti vitali, al punto che gli autovelox sono ormai diventati dei veri e propri bancomat per le casse degli enti locali. Inutile dire che la maggior parte degli introiti sono ormai destinati a rabboccare i bilanci piuttosto che a sistemare le strade e a rendere più sicura la circolazione.

Le proteste dei consumatori

Nell’imminenza dei rincari delle multe stradali, le associazioni dei consumatori non hanno mancato di far sentire la loro voce. Proteste si sono levate un po’ ovunque, soprattutto in considerazione del fatto che tali aumenti si inseriscono in un contesto di rincari generalizzato e anomalo.

Fra bollette e tasse, i consumatori sono ormai strangolati da ogni parte.

Il governo dovrebbe intervenire evitando che a gennaio scattino gli aumenti – dicono da Codacons- o sarà un disastro. Siamo quindi pronti ad impugnare in tribunale qualsiasi aumento delle multe stradali che rappresenterebbero l’ennesima stangata a danno dei consumatori”.

Cosa che si andrebbe ad aggiungere ai migliaia di ricorsi per multe stradali al codice della strada pendenti presso tribunali e prefetture. Rispetto a dieci anni fa sono aumentati in maniera esponenziale a dimostrazione del fatto che oggi si tollera sempre meno una contravvenzione.

Assoutenti chiede al Parlamento di intervenire per scongiurare gli aumenti anche perché qualsiasi rincaro delle sanzioni sarebbe ingiustificato e paradossale, non servirebbe ad aumentare la sicurezza stradale. L’aumento così previsto rappresenterebbe un ingiusto aggravio di spesa per i cittadini, spiega il presidente Furio Truzzi.

Argomenti: ,