Modelli INTRA aggiornati dopo la Brexit

L’Agenzia delle dogane e dei monopoli, dopo la Brexit, aggiorna il Modello INTRA al fine di considerare gli accordi con l’Irlanda del Nord

di , pubblicato il
L’Agenzia delle dogane e dei monopoli, dopo la Brexit, aggiorna il Modello INTRA al fine di considerare gli accordi con l’Irlanda del Nord

Dal 1° gennaio 2021, come noto, il Regno Unito è uscito dagli accordi europei, In beve a decorrere da quest’anno, il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) europeo. Parliamo della c.d. Brexit.

A tal fine, dunque, il Regno Unito è ora considerato un Paese non europeo e le relazioni economiche tra i due sistemi, sono disciplinate dall’accordo raggiunto tra le parti il 24 dicembre 2020.

Aggiornamento Modello INTRA

Si sottrae a tali nuove regole l’Irlanda del Nord, in quanto, sulla base di quanto previsto dal Protocollo su Irlanda/Irlanda del Nord (allegato all’Accordo di recesso UK/UE),

alle cessioni, agli acquisti intracomunitari ed alle importazioni di beni effettuate in questo Paese continua ad applicarsi la normativa unionale in materia di IVA e ciò allo scopo di evitare la creazione di una barriera fisica tra i due Territori.

In considerazione di quanto appena illustrando, dunque, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli, con Determinazione Prot.n. 46832/RU del 15 febbraio 2021 (adottata di concerto con l’Agenzia delle Entrate e d’intesa con l’ISTAT) ha provveduto ad aggiornare le istruzioni per l’uso e la compilazione degli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari di beni e dei servizi resi e ricevuti (Modelli INTRASTAT), con particolare riguardo alla Tabella A acclusa all’Allegato XI.

Modello INTRA: scadenze e modalità di invio

I modello INTRA devono essere presentati dai soggetti passivi IVA, in riferimento alle operazioni intracomunitarie (acquisti e cessioni). Si tratta di elenchi riepilogativi delle seguenti operazioni effettuate nei confronti di soggetti passivi stabiliti in un altro Stato membro della Comunità europea.

L’invio (da fare telematicamente all’Agenzia delle dogane) può essere mensile o trimestrale.

In dettaglio:

  • effettuano l’invio trimestrale i contribuenti che hanno effettuato operazioni, nei 4 trimestri precedenti e per ciascuna categoria di operazioni, per un ammontare totale trimestrale non superiore a 50mila euro
  • devono, invece, presentare gli INTRA con periodicità mensile i contribuenti che non rientrano delle condizioni di cui al precedente punto.

Si tenga presente che chi è tenuto alla presentazione trimestrale degli INTRA può scegliere di adottare la periodicità mensile per l’intero anno solare.

La presentazione deve essere fatta entro il 25 del mese successivo al periodo di riferimento. Dunque, ad esempio, entro il 25 febbraio 2021 deve essere inviato l’INTRA riferito a gennaio 2021.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,