Le chiacchiere di paese sul 110: ecco cosa succede veramente nei cantieri

Conosci qualcuno che ha iniziato il cantiere con la certezza del bonus 110? Se la domanda viene rifiutata chi paga?

di , pubblicato il
lavori-110-rifiutati

Salve vi scrivo da Pescara. Sono tentato di commissionare dei lavori con il 110 tramite cessione del credito alla ditta. Ma due cose mi frenano: la prima è il timore che, se il 110 viene rifiutato l’Agenzia delle Entrate considererà me responsabile. Lo troverei ingiusto: se la ditta mi conferma che i lavori in preventivo rientrano nel 110 io come posso avere le competenze per giudicare questo aspetto tecnico? Inoltre mi sembra che il bonus 110 sia un pettegolezzo da bar di paese: tutti ne parlano ma nessuno lo ha visto veramente. Io, almeno, tra parenti, amici e conoscenti non conoscono nessuno che ha iniziato i lavori usufruendo del super bonus tanto pubblicizzato. E allora il dubbio sorge spontaneo: il bonus 110 è solo uno specchietto per le allodole?

 

Camminando nella mia città (Pescara) ho notato diversi lavori in corso nei condomini, ponteggi e edifici in costruzione. Mi chiedo: sono pratiche approvate con il bonus 110 o stanno lavorando a proprio rischio?

 

Riceviamo alla casella email della redazione di InvestireOggi diverse email di questo genere. Sono tanti i proprietari di casa e i condomini che, dopo un primo momento di entusiasmo alla notizia dell’approvazione e poi della proroga del bonus 110 al 2022, si sono scoraggiati dinanzi ad un cammino in salita, non privo di ostacoli. Da un lato la paura che la pratica del 110 sia rifiutata per errori nell’interpretazione dei requisiti, nonostante i chiarimenti giunti anche dalle FAQ e dalle risposte agli interpelli dell’Agenzia delle Entrate sul 110 che hanno analizzato casi specifici. Abbiamo preso ad esempio due richieste di consulenza che ci sono giunte da Pescara e siamo andati a fare un giro per la città per cercare di toccare con mano qual è la situazione dei cantieri.

E’ vero: si vedono tanti ponteggi e lavori in corso. Ma quanti hanno esposti cartelli che pubblicizzano il ricorso al 110 sicuro per i committenti? “Sono solo voci di paese”?

Bonus 110: difficile ma non impossibile

Le pratiche per l’avvio dei lavori con il super bonus sono molte. Quelle partite ufficialmente, invece, si contano quasi sulle dita delle mani. La situazione può essere diversa in termini assoluti in grandi città come Roma o Milano ma, se andiamo a guardare alle percentuali, la tendenza si conferma. In questo senso sono “agevolati” i condomini che eseguono lavori trainati come il cappotto termico. Oppure le ditte di costruzione che realizzano edifici ex novo con appartamenti da vendere su carta (il prezzo per gli acquirenti potrebbe dunque diventare ancora più vantaggioso). Il problema nasce invece per casi particolari e situazioni meno lineari. Per il resto i ponteggi che abbiamo visto di persona in città, chiedendo a capo cantieri e operai, corrispondono in buona parte ad altri bonus fiscali per la casa, soprattutto il bonus facciate. Le pratiche per il 110, salvo alcune rare eccezioni, sono al momento ferme.

La cessione del credito e la responsabilità per errori nella pratica del 110

Più unità immobiliari con unico proprietario, seconde case con pertinenze allo stato dei fatti che saranno accatastate come abitazioni nello stato futuro di fine lavori etc. Sono tutte situazioni che andrebbero esaminate caso per caso, anche alla luce degli interpelli delle Entrate e delle FAQ. Affidarsi ad una ditta per la cessione del credito non esonera il committente dalla responsabilità qualora la pratica fosse rigettata o emergano errori di interpretazione in corso d’opera. Secondo la normativa attualmente vigente, infatti, nel caso di errori nell’asseverazione tecnica, il Fisco si rifà sul contribuente beneficiario e questo a sua volta dovrà chiedere il risarcimento al tecnico in seconda battuta (rinviamo a quanto chiarito a fine anno in merito alla polizza per tecnici e professionisti nelle pratiche per il 110).

L’unico modo per essere sicuri in questo senso è contattare un intermediario che proponga una polizza assicurativa che tuteli da questo rischio. Sono in pochi a farlo, eventualmente a fronte di un corrispettivo più basso in percentuale di riconoscimento del credito ma, alla luce di ciò, potrebbe essere comunque più conveniente recuperare un importo minore sui lavori.

 

Se avete iniziato come committenti o come ditta  i lavori usufruendo del super bonus 110 e volete raccontarci la vostra esperienza personale scrivete in redazione.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Argomenti: , , ,