Lavori di ristrutturazione fino a 10 mila euro: grosse novità e cessione del bonus più facile

Niente visto e asseverazione per la cessione bonus avente ad oggetto piccoli lavori realizzati in edilizia libera. I proprietari di casa attendono conferme

di , pubblicato il
Ristrutturazione fino a 10 mila euro: grosse novità e cessione bonus più facile

Sospiro di sollievo per i proprietari di casa che devono eseguire piccoli lavori in edilizia libera e per le piccole ditte edili. Approvato, infatti, in commissione bilancio al Senato, un emendamento alla legge di bilancio 2022 che elimina obbligo di visto e asseverazione congruità prezzi laddove si dovesse optare per sconto in fattura o cessione bonus.

Andiamo con ordine per capire la portata della novità.

Il nuovo obbligo di visto e asseverazione

Con l’intento di contrastare le frodi del campo delle agevolazioni fiscali legati ai lavori edili, con il decreto – legge n. 157 del 2021 (in vigore dal 12 novembre 2021), si è stabilito l’obbligo di acquisire il visto di conformità e l’asseverazione congruità prezzi anche per gli altri bonus casa diversi dal 110% (bonus ristrutturazione, ecobonus ordinario, bonus facciate, ecc.).

L’obbligo, tuttavia, sussiste solo laddove si decida di optare, in luogo della detrazione fiscale, per lo sconto in fattura o la cessione bonus.

La cosa ha fatto storcere il naso a proprietari di casa ed alle ditte esecutrice dei lavori, in quanto, ciò limiterebbe notevolmente la possibilità di opzione per sconto o cessione per quei lavori di piccoli importi. Occorre, infatti, anche considerare i costi da sostenere per l’acquisizione del visto e dell’asseverazione (ci riferiamo all’onorario dei professionisti).

A fronte di un lavoro di 1.000 euro, il costo del visto e dell’asseverazione incide notevolmente in termini di convenienza.

Cessione bonus senza visto e asseverazione per piccoli interventi

Ecco, quindi, che l’emendamento alla manovra di bilancio 2022, approvato stabilisce che visto e asseverazione non saranno necessari se trattasi di piccoli lavori realizzati in edilizia libera (ossia senza necessità di CILA o altre comunicazioni preventive al Comune).

Per piccoli lavori devono intendersi quelli fino a 10.000 euro. Questo significa, possibilità di optare per sconto in fattura o cessione bonus senza dover passare per visto ed asseverazione per lavori come la sostituzione della caldaia, il rifacimento di un piccolo impianto elettrico, sostituzione di alcuni infissi di casa.

Questo significa anche più possibilità di lavoro per le piccole ditte (elettricista, idraulico, ecc.).

Teniamo, comunque, a precisare che la novità dovrà trovare conferma nel testo definitivo della manovra 2022 che attende ancora il voto finale di fiducia di Senato e Camera.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,