Kebab con sorpresa: listeria e DNA di suino

Analizzati 7 negozi di Take away, Kebab contaminato, al suo interno batteri fecali "listeria" e DNA suino.

di , pubblicato il
Analizzati 7 negozi di Take away, Kebab contaminato, al suo interno batteri fecali

Kebab contaminato con listeria: la trasmissione di Striscia la Notizia, ieri sera, nell’ambito del servizio “E’ tutto un magna magna”, ha esaminato 7 take away di Milano, acquistando 7 panini. La sorpresa è stata impressionante su sette negozi esaminati 5 hanno riscontrato Kebab contaminato con Listeria monocytogenes e DNA suino.

Il Kebab è tipico della cucina turca, la qualità del prodotto è stata sempre garantita dai take away di Milano, contenente carne vitello, tacchino e pollo.

I panini al Kebab acquistati per l’indagine, sono stati portati in laboratorio con le dovute precauzioni, ogni panino con Kebab chiuso in busta sterile e in contenitore portatile.

Le analisi, come riporta la trasmissione di Striscia la Notizia, hanno riscontrato batteri fecali all’interno e uno scarso livello igienico, circa mille volte superiore alle linee guida approvate dal ministero della Salute. Inoltre, in due panini è stato trovato il DNA suino, ricordiamo che i take away avevano confermato che si trattava di carne di vitello, tacchino e pollo.

La Listeria è causa di diverse malattie, si parte da una semplice gastroenterite fino ad arrivare a meningite per bambini ed anziani, nelle donne in gravidanza può causare l’aborto.

La listeriosi è una malattia poco frequente nell’uomo, ma la rende un serio problema per la salute pubblica, visto l’alto numero di casi di mortalità, soprattutto nelle categorie considerate a rischio, come bambini, anziani, soggetti immunocompromessi e donne in gravidanza.

Striscia la Notizia, termina la trasmissione “E’ tutto un magna magna” chiedendo alle autorità di applicare maggiori controlli, la salute dei cittadini prima di ogni cosa.

Istamina nei barattoli di acciughe, ritirati dai supermercati Eurospin

Kebab e listeria

Le infezioni da Listeria nell’uomo avvengono dal consumo di alimenti contaminati.

La contaminazione può avvenire a livello di materie prime oppure durante le fasi di produzione e trasformazione.

Gli alimenti con maggior rischio d’infezione sono rappresentati dai prodotti pronti al consumo, conservati a temperatura di refrigerazione e dagli alimenti da consumarsi crudi.

Tra gli alimenti che possono rappresentare un veicolo di listeriosi, ci sono in particolare i formaggi a pasta molle, erborinati e a crosta fiorita, il latte crudo o non pastorizzato, il pesce, soprattutto affumicato, la carne cruda, le preparazioni a base di carne pronte al consumo e i vegetali crudi. Ricordiamo, inoltre, che la listeria monocytogenes, è in grado di replicare a temperatura di refrigerazione.

Riso bio italiano infestato da insetti, lotto ritirato dal mercato europeo

Argomenti: , , ,