Inarcassa, a chi spettano i sussidi Covid 2021?

I sussidi Covid di Inarcassa sono previsti in caso di contagio o sospetto contagio che non abbia richiesto il ricovero.

di , pubblicato il
I sussidi Covid di Inarcassa sono previsti in caso di contagio o sospetto contagio che non abbia richiesto il ricovero.

A sostegno degli ingegneri e degli architetti liberi professionisti iscritti ad Inarcassa, qualora fossero stati contagiati dal Covid-19, è stata introdotta la possibilità di richiedere un sussidio.

In data 29 dicembre 2020 sono state approvate le deliberazioni del Comitato Nazionale dei Delegati di Inarcassa, decretando lo stanziamento di 100 milioni di euro al fine di fronteggiare la crisi economica innescata dalla pandemia sui liberi professionisti architetti e ingegneri.

È possibile presentare istanza per gli eventi che si sono verificati fino il 31 dicembre 2020.

Inarcassa, confermati i sussidi Covid-19

La Cassa di Previdenza di ingegneri e architetti (Inarcassa) ha ampliato gli aiuti finanziari per fronteggiare l’impatto del Covid sulla libera professione degli iscritti.

Grazie allo stanziamento di 100 milioni di euro per fronteggiare la crisi pandemica sui liberi professionisti architetti e ingegneri, Inarcassa ha confermato la misura “una tantum” a favore di ciascun nucleo familiare e ha comunicato l’ampliamento della platea dei beneficiari del sussidio economico.

Inarcassa Sussidi Covid: in quali casi sono previsti?

I sussidi COVID di Inarcassa sono previsti in caso di contagio o sospetto contagio che non abbia richiesto il ricovero, con esclusione dei soggetti asintomatici, e che abbia causato l’impossibilità a esercitare la libera professione per almeno 21 giorni.

Si tratta di un sostegno economico messo a disposizione dalla Cassa di Previdenza di ingegneri e architetti per far fronte all’emergenza covid-19.

Il sussidio Covid:

  • è cumulabile con qualsiasi altra prestazione assistenziale disciplinata dai regolamenti vigenti;
  • viene erogato a prescindere dal requisito di regolarità contributiva;
  • è calcolato in funzione della situazione di maggiore gravità accertata all’interno del nucleo familiare al momento della richiesta con diritto al ricalcolo della prestazione.

Per i casi di ricovero per tutti gli iscritti e pensionati Inarcassa è possibile richiedere anche le indennità previste dalla polizza sanitaria INARCASSA-RBM.

Inarcassa sussidi Covid: come fare domanda?

È possibile presentare domanda per ottenere il sussidio di Inarcassa solo in riferimento ad eventi di contagio verificati fino al 31 dicembre 2020.

È necessario inviare la richiesta “Sussidio Covid-19”, in via esclusivamente telematica tramite Inarcassa On Line.

All’interno del menu “domande e certificati”, selezionare la voce “Domande”.

Argomenti: ,