Imu, Tasi, Tari e, come se non bastasse, potrebbe arrivare una nuova patrimoniale, anche per la prima casa?

C’è timore nel dirlo apertamente ma, secondo le ultime dichiarazioni del Ministro Provenzano, il governo starebbe pensando a una nuova patrimoniale, anche sulla prima casa.

di , pubblicato il
Banca e casa

Per il ministro Provenzano bisognerebbe introdurre una nuova tassa sulla rendita degli immobili. C’è timore nel dirlo apertamente ma, a scanso d’equivoci, si tratterebbe di una vera e propria “patrimoniale”.

Le dichiarazioni sono state rilasciate durante la trasmissione televisiva di Rai 3 “Agorà” condotta da Serena Bortone.

La nuova patrimoniale secondo il Ministro Provenzano

Sostanzialmente, per il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale, nonché esponente del Patito Democratico, Giuseppe Provenzano, togliere la tassazione sulle prime case “di lusso” è stato un grave errore.

Ma non è certo finita qui, infatti, prosegue il Ministro: “Io aumenterei la progressività fiscale ed inserirei una forma di tassazione sulla rendita e quindi anche il patrimonio ed in particolare anche sulle case”.

A scanso di equivoci, il Ministro Provenzano sembrerebbe parlare a titolo personale ma, oltre ad essere un esponente di peso di questo governo, queste voci starebbero diventando sempre più insistenti ed evidenti, e, per la prima volta, c’è una dichiarazione ufficiale.

Ci si potrebbe chiedere, se dalle mere affermazioni, si possa passare ai fatti e in che modo: attraverso una nuova tassa sulla casa? Che tipo di progressività si intende utilizzare? Sarà a vantaggio dei ceti bassi? E, soprattutto, potrebbero essere ripensate anche le attuali imposte sulla casa (Imu, Tasi e Tari)?

Ad agni modo, attualmente, non c’è traccia di nessuna nuova patrimoniale nel Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020.

Quindi, se ad una nuova tassa si sta pensando, essa non dovrebbe vedere la luce, almeno, entro l’anno 2020.

Tuonano opposizioni e associazioni di categoria

Neanche a dirlo, l’uscita del Ministro Provenzano ha fatto storcere il naso un po’ a tutti, in primo luogo a Confedilizia, che, nella persona del suo presidente, Giorgio Spaziani Testa, fa sapere, a mezzo Twitter, quanto segue: “Il ministro Provenzano vorrebbe più tasse sugli immobili. Questa è la sostanza del suo (non chiaro) discorso. Lo informiamo: a) che sugli immobili grava una patrimoniale da 22 miliardi di euro l’anno; b) che a pagarla sono anche molte prime case, di lusso e non”.

Potrebbe anche interessarti: “Bonus in busta paga: 50 euro in più per i lavoratori dipendenti a partire da luglio 2020, ma non per tutti” e “Bonus digitale: 2000 euro per tutti i cittadini, direttamente sul conto corrente, a partire dal prossimo anno”.

 

Argomenti: , ,