Controllo a distanza del lavoratore: i limiti da non oltrepassare

Controllo a distanza del lavoratore, i limiti da non oltrepassare li chiarisce una recente sentenza della Corte di Cassazione del 05 ottobre 2016.

di , pubblicato il
Controllo a distanza del lavoratore, i limiti da non oltrepassare li chiarisce una recente sentenza della Corte di Cassazione del 05 ottobre 2016.

Controllo a distanza del lavoratore, è possibile e quali sono i limiti? A rispondere a questa domanda ci ha pensato la Corte di Cassazione con una recente sentenza n. 19922 del 05 ottobre 2016.
La prova dell’addebito al lavoratore acquisita tramite GPS satellitare può essere nulla e conseguentemente nullo anche il licenziamento.

Controllo a distanza del lavoratore: il caso

Il Tribunale poi la Corte d’appello avevano accolto l’opposizione di un lavoratore diretta alla dichiarazione di illegittimità del licenziamento intimato per giusta causa per insussistenza dei fatti. Il licenziamento era stato intimato per avere il lavoratore dichiarato di aver regolarmente compiuto il giro di visite presso clienti come programmato, risultando invece attraverso le tracce del sistema GPS di cui l’autovettura era dotata, che il veicolo si era trovato da tutt’altra parte.

La Corte territoriale, precisava gli accordi sindacali aziendali prevedevano espressamente la non utilizzabilità di tali sistemi per il controllo a distanza dei lavoratori. Neppure si poteva ritenere che i controlli potessero essere considerati legittimi come ‘difensivi” in quanto non erano stati segnalati comportamenti illegittimi del lavoratore tali da giustificare un controllo così pervasivo e sistematico.

Controllo a distanza del lavoratore: decisione della Suprema Corte

La Suprema Corte, a giudizio, ha motivato il ricorso nel seguente modo: “non è apparso fondato per tre, concomitanti, ragioni che escludono che si possa ritenere legittimi i controlli effettuati in quanto non a carattere difensivo“. Inoltre, precisa che se per l’esigenza di evitare attività illecite o per motivi organizzativi o produttivi, il datore di lavoro può installare impianti o apparecchi di controllo che rilevino anche dati relativi alla attività lavorativa dei dipendenti, tali dati non possono essere utilizzati per provare l’inadempimento contrattuale dei lavoratori medesimi.
La sentenza spiega in modo dettagliato i motivi per cui i controlli con GPS usati impropriamente e considerandoli controlli “difensivi” sfocerebbero quasi sempre in una violazione degli obblighi contrattuali dei dipendenti. La legge non consente di limitare attraverso sistemi invasivi, la dignità dei lavoratori e il controllo, comunque i controllo non possono avvenire senza autorizzazione sindacale.

 Respinto per queste motivazioni il motivo di ricorso

Argomenti: , , ,