Come scegliere il fondo pensione

Quanto rendono i fondi pensione? Come calcolare quello più conveniente? Facciamo chiarezza

di , pubblicato il
Quanto rendono i fondi pensione? Come calcolare quello più conveniente? Facciamo chiarezza

In questa guida, ti accenniamo cosa sono i fondi pensione ma, soprattutto, ti spieghiamo come scegliere il fondo pensione migliore.

Questo strumento di risparmio a lungo termine è un’integrazione pensionistica che tutti possono scegliere: lavoratori dipendenti privati e pubblici, liberi professionisti, lavoratori autonomi, ma anche persone che non lavorano o studenti.

Come funzionano, quali sono i vantaggi offerti e come capire qual è il fondo migliore per te?

Come scegliere il fondo pensione valutando le 3 tipologie

Sono tre le tipologie di fondi pensione:

aperti, a cui tutti possono aderire (lavoratori di qualsiasi categoria e non lavoratori, persone a carico). Le adesioni possono essere individuali e collettive (rappresentanze sindacali). Vengono costituiti da compagnie assicurative, banche, società di gestione del risparmio (SGR) o società di intermediazione mobiliare (SIM);

chiusi, riservati a determinate categorie di lavoratori con adesione in forma collettiva e vengono istituiti da accordi o contratti di lavoro collettivi.

PIP (piani individuali pensionistici) che prevedono soltanto adesioni individuali e vengono istituiti da imprese assicurative.

Tipo di investimento per il fondo pensione

I fondi pensione prevedono un investimento nei mercati finanziari di quanto versato che genera rendimenti. Al momento del pensionamento, ciò che viene accumulato sarà erogato in forma di pensione integrativa che si cumula con quella pubblica.

Il sistema di previdenza integrativa offre diversi comparti di investimento in base all’orizzonte temporale a disposizione, al livello di rischio ed al rendimento.

I vari comparti sono:

– azionario;

– obbligazionario;

– bilanciato;

– garantito.

Comparto azionario

Scegliendo il comparto azionario si investe in titoli azionari. E’, dunque, il più rischioso ma dà modo di ottenere rendimenti superiori nel lungo termine.

Comparto obbligazionario

Il comparto obbligazionario è ideale per i risparmiatori più prudenti.

Si investe in obbligazioni e titoli di Stato, è meno rischioso e, di conseguenza, offre rendimenti inferiori rispetto alle azioni.

Comparto bilanciato

Il comparto bilanciato è caratterizzato da investimenti in parte in obbligazioni e in parte in azioni.

Comparto garantito

Questo comparto è denominato garantito in quanto assicura la restituzione del capitale versato.

Qual è il comparto migliore per te?

Considerando i 4 comparti di investimento appena elencati, qual è il migliore per te? Dipende dalla tua propensione al rischio con l’obiettivo di percepire rendimenti superiori e dall’orizzonte temporale che hai a disposizione fino al momento del pensionamento.

Come scegliere il fondo pensione: i fattori da valutare

Per individuare il fondo pensione migliore per te, devi considerare le principali variabili:

costi (di adesione, sui versamenti, di gestione): se sono elevati col tempo potrebbero erodere il risparmio previdenziale. E’ importante verificare l’incidenza dei costi sul capitale;

rendimenti previsti in base ai dati storici;

volatilità: caratteristica che rende un fondo pensione più soggetto ad oscillazioni rispetto ad altri.

Esistono molti prodotti e, spesso, per orientarsi è bene affidarsi ad un esperto del settore allo scopo di individuare i migliori fondi in termini di costi, rendimenti, volatilità e garanzia.

Vantaggi del fondo pensione

I fondi pensione presentano diversi vantaggi. Vediamo quali sono.

Elasticità e libertà di investimento

Puoi pianificare importo e frequenza dei versamenti in modo elastico, liberamente, a seconda delle tue esigenze e disponibilità finanziarie fino alla possibilità di sospenderli e riprenderli in ogni momento.

Switch tra comparti

Hai la possibilità di cambiare il fondo trasferendo l’importo accumulato in un altro fondo pensione. Puoi modificare il tipo d’investimento (switch tra comparti) ogni anno senza perdere le precedenti partecipazioni agli utili e diversificare gli investimenti.

Riscatto

Per il riscatto, hai l’opportunità di scegliere il tipo di erogazione della rendita (al 100%, mista fino al 50%, reversibile, controassicurata, vitalizia).

Potrai richiedere il riscatto totale o parziale in caso di perdita del lavoro o di disoccupazione prolungata;

Anticipazioni

Con il fondo pensione puoi richiedere anticipazioni fino al 75% per spese sanitarie, fino al 30% per altre esigenze e, dopo 8 anni dall’iscrizione, fino al 75% per acquisto o ristrutturazione della casa.

Detrazioni fiscali e aliquota agevolata

I fondi pensione offrono interessanti detrazioni fiscali e l’aliquota agevolata.

Le detrazioni fiscali dei contributi volontari versati arrivano fino a 5.164,57 euro annui.

L’aliquota agevolata sui rendimenti è del 20% e, al momento della prestazione finale, scende dal 15% al 9% in base agli anni di partecipazione.

E’ importante sapere che…

I fondi pensione sono intoccabili, non pignorabili e non sequestrabili da parte di eventuali creditori.

E’ consigliabile iniziare a risparmiare il prima possibile. Maggiore è il tempo che ti separa dalla pensione, maggiori saranno le risorse accumulate ed i rendimenti.

Inoltre, dopo 35 anni di adesione, l’aliquota si ridurrà scendendo dal 15% al 9%.

Argomenti: ,