Cashless: impennata di pagamenti digitali dopo lockdown

Carte di credito e bancomat (cashless) sono utilizzati di più dopo il lockdown. I consumatori si fidano sempre meno del contante.

di , pubblicato il
Carte di credito e bancomat (cashless) sono utilizzati di più dopo il lockdown. I consumatori si fidano sempre meno del contante.

Dopo il lockdown, il 93% dei consumatori online preferisce acquistare cashless e la frequenza di acquisto cresce del 79%. È quanto emerge da un’indagine di Netcomm Forum Live, in collaborazione con NetStyle e Tuttofood Milano.

Complessivamente – si legge in una nota – i volumi di transazioni online negli ultimi 12 mesi (cashless) sono cresciuti del 15,4%, il 7% solo nel lockdown, con la richiesta di prodotto aumentata del 10%. Uno scenario che ha visto alcuni servizi di eCommerce gestire una domanda 10 volte superiore nella fase Covid, generando nel 25% dei casi problemi nella logistica, con carenza di prodotti disponibili (26%) e un 18% di casi in cui non è stato possibile recapitare la merce.

Boom eCommerce dopo il lockodwn

Gli eShopper italiani cercano nuove categorie di acquisto online (cashless). Il 36,4% (+1,8% rispetto ad aprile) ha pensato di acquistare online prodotti che prima aveva sempre comprato in negozio. Il 25% (23,3% ad aprile) ha fatto la spesa online. Tuttavia, il 42% dei consumatori digitali ritiene che i prezzi siano più alti (erano il 28% ad aprile).

I pagamenti diventano contactless. Già durante il lockdown molti negozi di vicinato hanno aumentato l’uso dei pagamenti digitali, con i commercianti spinti dalla necessità di assicurare il distanziamento fisico.

Aumenta l’utilizzo di moneta elettronica (cashless)

Carte di credito, prepagate e bancomat sono usate più di prima da circa il 15-19% degli acquirenti, così come buoni sconto digitali (14% circa) e app su smartphone (14,7%). Viceversa, il contante è utilizzato da quasi il 30%. Un cambiamento nelle abitudini di acquisto e pagamento che vede il 53% degli eShopper chiedere ai negozi tradizionali di quartiere di adottare canali digitali, eliminando il contante.

Il 49% degli utenti vorrebbe infatti ordinare i prodotti a distanza e riceverli direttamente a casa; il 43% ritirare rapidamente nello store la merce comprata online e il 33% pagare solo con carte/smartphone.

Negozi online preferiti a quelli tradizionali

Una domanda di cambiamento che si scontra con un contesto dove, secondo Netcomm, su circa 280 insegne di diversi settori, solo il 79% possiede un canale eCommerce attivo e solo il 37% è abilitato al ritiro o al reso in store di prodotti acquistati online.

Secondo una ricerca di Nextplora per Netcomm, le persone con maggiore confidenza digitale, dopo l’esperienza del lockdown, continuano a ricorrere maggiormente agli acquisti online di moda a scapito dei negozi tradizionali: in particolare, sono aumentati coloro che si informano e acquistano online, passando dal 18% al 24% negli utenti low digital, e dal 28% al 38% negli utenti high digital.

Gli altri consumatori dimostrano invece una tendenza al ritorno al negozio, dai quali però si attendono nuove esperienze e nuovi servizi come quelli sperimentati online.

Argomenti: ,