Bonus sanificazione, aspetti fiscali

Il bonus sanificazione di cui al decreto Sostegni bis ha un trattamento fiscale leggero, anzi neutro. Vediamo in dettaglio

di , pubblicato il
Bonus sanificazione, aspetti fiscali

Scade oggi il termine di invio della comunicazione all’Agenzia delle Entrate per l’accesso al bonus sanificazione versione decreto Sostegni bis. La finestra temporale per l’adempimento si è aperta il 4 ottobre 2021 e si chiude il 4 novembre 2021.

Il bonus sanificazione del Sostegni bis

Il bonus sanificazione (introdotto dal decreto Rilancio e riproposto dal Sostegni bis) si concretizza in un credito d’imposta (30% per un massimo di 60.000 euro) riconosciuto a fronte di spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per COVID-19.

Ne hanno diritto:

  • esercenti attività d’impresa, arti e professioni
  • enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti
  • strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale a condizione che siano in possesso del relativo codice identificativo (bed and breakfast).

L’Agenzia delle Entrate ha emanato recenti chiarimenti nella Circolare n. 13/E del 2 novembre 2021.

Gli aspetti fiscali

Dato l’aspetto agevolativo della misura, lo stesso legislatore ne stabilisce un trattamento fiscale neutro. Infatti, è espressamente stabilito che, il bonus sanificazione:

  • non concorre alla base imponibile ai fini delle imposte sui redditi, comprese le relative addizionali regionali e comunali, né alla base imponibile IRAP
  • non incide sul calcolo della quota di interessi passivi deducibile dal reddito di impresa ai sensi dell’art. 61 del TUIR
  • non rileva ai fini della determinazione della quota di spese e altri componenti negativi diversi dagli interessi passivi, deducibile dal reddito di impresa ai sensi dell’articolo 109, comma 5, del TUIR.

Dunque, il bonus sanificazione è irrilevante ai fini fiscali in capo al beneficiario.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: , ,