Bonus sanificazione 2021, entro domani 4 novembre la domanda

Ai fini del bonus sanificazione occorre presentare all’Agenzia delle Entrate apposita comunicazione delle spese sostenute

di , pubblicato il
Bonus sanificazione 2021 , entro domani 4 novembre la domanda

A ridosso del termine di scadenza della domanda, l’Agenzia delle Entrate ha emanato la Circolare contenete i chiarimenti sul bonus sanificazione (vedi anche Bonus sanificazione, online i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate).

La richiesta del beneficio, infatti, è in scadenza domani, 4 novembre 2021 (chiusura della finestra temporale apertasi lo scorso 4 ottobre 2021).

Una sintesi del beneficio

Il bonus sanificazione (introdotto dal decreto Rilancio e riproposto dal Sostegni bis) si concretizza in un credito d’imposta riconosciuto a fronte di spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per COVID-19.

Il beneficio è pari al 30% dell’onere e non può essere superiore a 60.000 euro. Tuttavia, laddove le richieste dovessero superare le risorse disponibili (200 milioni di euro per l’anno 2021) l’Agenzia delle Entrate determinerà la quota percentuale dei crediti effettivamente fruibili

In tal caso, l’ammontare massimo del bonus è pari al credito richiesto moltiplicato per la percentuale (che sarà resa nota con ulteriore provvedimento entro il 12 novembre 2021).

La domanda per il bonus sanificazione

Ai fini del beneficio occorre presentare apposita comunicazione delle spese all’Agenzia delle Entrate. Tale comunicazione deve avvenire nella finestra temporale 4 ottobre 2021 – 4 novembre 2021 con il modello approvato con Provvedimento del 15 luglio 2021.

Hanno diritto al bonus sanificazione:

  • esercenti attività d’impresa, arti e professioni
  • enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti
  • strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale a condizione che siano in possesso del relativo codice identificativo (bed and breakfast).

Entro domani è possibile presentare anche una comunicazione che sostituisce una precedentemente inviata oppure una comunicazione di rinuncia al credito d’imposta.

L’invio può essere fatto direttamente dal contribuente o tramite intermediario incaricato. Infine, ricordiamo che il bonus sanificazione può essere utilizzato direttamente in dichiarazione redditi 2022 (anno d’imposta 2021) a riduzione delle imposta oppure in compensazione nel modello F24.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: , ,