Bonus prima casa giovani 2021: beneficiari e requisiti

Il legislatore ha introdotto il c.d. bonus prima casa giovani, ossia esenzione da imposta di registro e catastale per acquisto della prima casa da parte degli under 36

di , pubblicato il
Bonus prima casa giovani 2021: beneficiari e requisiti

Il decreto Sostegni bis (decreto-legge n. 73 del 2021), al fine di favorire l’autonomia abitativa dei giovani, stabilisce, l’esenzione dall’imposta di registro e dell’imposta ipotecaria (c.d. bonus prima casa giovani):

  • degli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione, ad eccezione di quelle di categoria catastale A1, A8 e A9 (c.d. categoria di lusso)
  • per gli atti traslativi o costitutivi della nuda proprietà, dell’usufrutto, dell’uso e dell’abitazione relativi alle stesse.

Tale agevolazione si applica a tutti gli atti stipulati nel periodo compreso tra la data di entrata in vigore dello stesso decreto Sostegni bis (26 maggio 2021) e il 31 dicembre 2022.

Requisiti agevolazione prima casa giovani

Affinché si applichi il bonus prima casa giovani in commento è necessario che siano rispettati (congiuntamente) una serie di requisiti. In primis devono sussistere i requisiti per la c.d. agevolazione prima casa. Quindi,

  • l’immobile che si acquista non deve appartenere alle categorie catastali di lusso (dunque, non devono essere A/1, A/8 ed A/9);
  • l’immobile che si acquista deve essere situato nel comune in cui l’acquirente ha la propria residenza oppure ve la stabilisce entro 18 mesi dall’acquisto o nel comune dove svolge la sua attività lavorativa
  • il compratore non deve essere titolare esclusivo, o in comunione con il coniuge, dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui è situato l’immobile
  • l’acquirente non deve essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni di cui al presente articolo.

Si ricorda che, ad ogni modo, è previsto che il beneficio prima casa è ammesso anche nel caso in cui chi acquista l’immobile, in quel momento, è già possessore di altro immobile acquistato anch’esso con la stessa agevolazione ma procede a vendere quest’ultimo entro 1 anno dall’atto di acquisto della nuova casa. Laddove ciò non sia fatto, si decade dall’agevolazione, con conseguente applicazione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura ordinaria, della sanzione pari al 30% delle stesse imposte e degli interessi.

Altri requisiti anagrafici e reddituali per il bonus prima casa giovani

Oltre ai requisiti per l’agevolazione prima casa di cui al paragrafo precedente, ai fini del bonus prima casa giovani, è necessario altresì il rispetto di ulteriori requisiti, ossia:

  • l’acquirente l’immobile non deve aver compiuto 36 anni di età nell’anno in cui è fatto l’atto notarile
  • lo stesso acquirente deve avere un valore ISEE non superiore a 40.000 euro annui.

Come detto, ai fini del beneficio, le condizioni qui elencate devono verificarsi congiuntamente (è sufficiente il mancato rispetto di uno solo dei requisiti per non applicare l’agevolazione).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,